salta al contenuto
salta al menu delle attività turistiche
Logo RavennaBlu
RavennaBlu il portale del turismo e del tempo libero per Ravenna e Provincia, Hotel Romagna, Hotel Ravenna, Hotel Cervia, Hotel Milano Marittima

Nel 1839 il fiume Lamone ruppe gli argini nel tratto terminale del suo percorso, allagando i terreni circostanti per circa 8.000 ettari: inizia così la storia di Punte Alberete e dell'attigua Valle Mandriole
(o Valle della Canna). A testimonianza dell'enorme palude di un tempo rimangono oggi i 400 ettari delle due oasi citate. II paesaggio di Punte Alberete è caratterizzato dall'alternarsi di zone allagate (bassure) e di zone emerse (staggi).

Punte Alberete




Punte Alberete
E’ la zona naturalistica più importante di questa porzione di territorio, un biotopo estremamente suggestivo di valore internazionale gestito dal Parco, in cui opera l’Adv Arca di Ravenna. Una foresta allagata con frassini, olmi, salici, pioppi. L’habitat è importante per le piante acquatiche (nifee, gigli di palude) e per le varie specie di animali che vivono in zone umide, dai pesci ai rettili, agli uccelli spesso rari: Moretta tabaccata, Airone rosso, Ibis mignattaio, Sgarza ciuffetto, Nitticora, Tarabusi e Tarabusini.

Valle Mandriole (o Valle della canna)
Questa valle di acqua dolce da anni a protezione integrale, faceva parte, insieme a Punte Alberete, dell’antica cassa di colmata del Lamone. Dalla torretta di avvistamento che sorge sul perimetro della Valle il paesaggio si presenta come una vasta distesa di canneti e tifati inframmezzati da chiari.
E’ il luogo ideale per numerose specie di anatidi e di altri uccelli come aironi bianchi, rossi e cenerini, svassi e falchi di palude.

Compagnia dell'Adriatico











RavennaBlu® è marchio registrato proprietà di InteRa srlwww.intera.it [open a new window]