salta al contenuto
salta al menu delle attività turistiche
Logo RavennaBlu
RavennaBlu il portale del turismo e del tempo libero per Ravenna e Provincia, Hotel Romagna, Hotel Ravenna, Hotel Cervia, Hotel Milano Marittima

Museo d'Arte della Città - Loggetta Lombardesca
RAVENNA, 48100
Via di Roma, 13

  • telefono:
    0544 482041
    0544 482760
  • fax:
    0544 212092
  • email:
    info@museocitta.ra.it
  • sito web:
    www.museocitta.ra.it
  • Apertura:
    gli orari sono soggetti a variazioni, sulla base delle iniziative temporanee o permanenti organizzate dall'istituzione (si consiglia di telefonare)
  • Chiusura:
    lunedì 


La Loggetta




Museo d'Arte della Città - Loggetta Lombardesca     
Inaugurata nel 1829 come Galleria dell'Accademia di Belle Arti, la Pinacoteca del Museo d'Arte della Città di Ravenna è stata trasferita intorno agli anni 1970-72 negli attuali locali dell'ex Monastero di Santa Maria in Porto, una struttura architettonica oggi meglio conosciuta col nome di Loggetta Lombardesca. Le collezioni artistiche provenienti dagli ordini religiosi soppressi in età napoleonica e le successive donazioni di privati cittadini - cui fecero seguito nuove acquisizioni di opere d'arte effettuate dall'Amministrazione comunale nel periodo postunitario - costituirono il nucleo patrimoniale originario della Pinacoteca. La Loggetta ospita attualmente tre collezioni, permanentemente esposte al pubblico , la famosa statua di Guidarello_Guidarelli, eseguita nel 1525 dallo scultore Tullio Lombardo - oggetto di leggende popolari e romantiche attenzioni - e il busto di Sant'Apollinare, patrono della città, eseguito dallo scultore danese Bertel Thorvaldsen nel 1822. La Collezione antica, che comprende opere datate tra il XIV e il XVIII secolo, raccoglie numerosi pittori di area romagnola: Marco Palmezzano, Baldassarre Carrari, Giovan Battista Bertucci, Francesco Zaganelli, Girolamo Marchesi, Niccolò Rondinelli, Andrea Barbiani, Luca, Francesco e Barbara Longhi, ne sono i maggiori rappresentanti. A questi si aggiungono importanti opere di pittori bolognesi, ferraresi, veneti e toscani - tra cui Guercino, Bastianino, Vivarini, Vasari, Cecco Bravo - a testimonianza dei poli artistici che hanno esercitato maggiore influenza sul territorio ravennate. La Galleria d'arte moderna è ricca di opere databili cronologicamente tra l'inizio dell'Ottocento e la prima metà del Novecento. Pitture e sculture di artisti ravennati e romagnoli, in gran parte allievi della locale Accademia di Belle Arti, rappresentano il gruppo più significativo di questa raccolta che comprende opere di Ugonia, Pazzini, Torchi, Guaccimanni, Miserocchi, Saporetti, Rambelli, Toschi, Baccarini, Varoli e Salietti. Sono presenti anche artisti bolognesi ed extra - regionali, che hanno operato per lungo tempo in Romagna, unitamente a due opere acquistate rispettivamente nel 1916 e nel 1919: un olio su tela di Felice Carena e un disegno a matita di Gustav Klimt. Entrambe le collezioni documentano le funzioni istituzionali svolte dalla Pinacoteca della nuova istituzione museale, relativamente alla conservazione, valorizzazione ed esposizione permanente del proprio patrimonio artistico. A queste due raccolte si aggiunge la Collezione d'arte contemporanea, costituitasi in seguito alle numerose mostre temporanee - monografiche o collettive - allestite dagli anni Ottanta ad oggi negli spazi espositivi della Pinacoteca e nella sede decentrata di Santa Maria delle Croci (via Guaccimanni 5/7). Ne risulta una raccolta ricca ed articolata, nella quale presenze artistiche regionali si intrecciano con artisti italiani di fama internazionale, destinata ad ulteriori occasioni di arricchimento che ne confermano il carattere "in progress". Al piano terra della Loggetta trova posto, in esposizione permanente, una mostra di Mosaici Contemporanei, realizzati negli anni Cinquanta da mosaicisti ravennati su cartoni di artisti di fama internazionale: Afro, Birolli, Cagli, Campigli, Capogrossi, Tassinari, Chagall, Corpora, Deluigi, Gentilini, Guttuso, Mathieu, Mirko, Moreni, Paulucci, Reggiani, Saetti, Sandquist, Santomaso, Vedova. Alle collezioni permanenti e alle mostre temporanee, si aggiunge inoltre l'attività didattica, destinata prevalentemente al pubblico scolastico.     

Compagnia dell'Adriatico











RavennaBlu® è marchio registrato proprietà di InteRa srlwww.intera.it [apre una nuova finestra]