salta al contenuto
salta al menu delle attività turistiche
Logo RavennaBlu
RavennaBlu il portale del turismo e del tempo libero per Ravenna e Provincia, Hotel Romagna, Hotel Ravenna, Hotel Cervia, Hotel Milano Marittima

Proloco – IAT:
P.ZZA GARIBALDI,2 (CAP:48020)
Tel.: 0544 528101
FAX: 0544 528522

via Rivaletto, 25
tel. 0544.528101
santalberto@racine.ra.it
pal_santalberto@atlantide.net
www.santalbertoweb.it

Sant'Alberto

Nome Località: Sant'Alberto




Storia:S. Alberto, la principale località di questa stazione del Parco Regionale del Delta del Po, con circa 5.000 abitanti è una realtà ricca di tradizione e di fascino, con un centro storico ben conservato e caratteristico, in cui spiccano la casa in cui abitò il poeta Olindo Guerrini e il Palazzone, un tipico edificio della fine del 500 con aggiunte e modifiche seicentesche, sede del Centro Visite.Dal Centro Visite, portandosi sull’argine del Fiume Reno, l’antico Po di Primaro, si può accedere ad un piccolo traghetto che consente di arrivare sulla sponda opposta del Reno, che costeggia la parte meridionale delle suggestive Valli di Comacchio, uno dei territori italiani più importanti per il birdwatching.Verso est si può ammirare la splendida penisola di Boscoforte, ricoperta di vegetazione alofila, sito di nidificazione di centinaia di uccelli acquatici.Oltre alle eccellenze di tipo naturalistico, questo territorio offre significative peculiarità storiche e culturali come testimonianze del percorso garibaldino, dal Capanno Garibaldi nella vicina Piallassa della Baiona. Alla casa in cui morì Anita Garibaldi nei pressi di Mandriole, sulla strada per S. Alberto.

Patrono e Ricorrenze:
La Primavera al Fiume
Festa della Birra (Estate)
Settembre Santalbertese

Collegamenti - Trasporti:
AUTO
Sant'Alberto e' raggiungibile dal raccordo autostradale Bologna - Ravenna, uscita Ravenna sempre diritto al secondo semaforo a sinistra.
Oppure dalla strada Statale 309  Romea Nord, svincolo Sant'Alberto.

AUTOBUS
ORARI del servizio di trasporto pubblico ATM
Orario invernale:
Ravenna FS - S.Alberto Piazza Garibaldi:

6.30 - 6.54
7.05 - 8.00
12.17 - 12.42
12.40 - 13.05
13.15 - 13.35
14.30 - 14.50
17.30 - 17.55
18.15 - 18.40
19.15 - 19.40

S.Alberto Piazza Garibaldi - Ravenna FS:

6.43 - 7.05
7.05 - 7.30
8.10 - 8.35
12.03 - 12.28
13.10 - 14.10
14.05 - 14.30
14.22 - 14.45
15.20 - 15.45
18.24 - 19.04
19.05 - 19.30
19.40 - 20.20

Orario estivo:
Ravenna FS - S.Alberto Piazza Garibaldi:

6.00 - 6.25
7.15 - 7.40
11.35 - 12.00
13.15 - 13.40
14.15 - 14.40
17.30 - 17.55
19.15 - 19.40

S.Alberto Piazza Garibaldi - Ravenna:

6.55 - 7.20
8.20 - 8.45
12.40 - 13.05
13.40 - 14.05
14.40 - 15.05
15.20 - 15.45
Per ulteriori informazioni:
Punto Bus – Biglietteria e informazioni sul servizio
Piazza Farini (Stazione FS) – Ravenna
Telefono: 0544 – 689900
Oppure visitare il sito: www.racine.ra.it/atm

TRAGHETTO
Orari servizio traghetto S.Alberto:
Gennaio (7-19)
Febbraio (7-19)
Marzo (7-20)
Aprile (7-22)
Maggio (7-22)
Giugno (7-22)
Luglio (7-24)
Agosto (7-24)
Settembre (7-22)
Ottobre (7-20)
Novembre (7-19)
Dicembre (7-19)

Il traghetto consente di attraversare il fiume Reno.
Per ulteriori informazioni telefonare allo 0544 – 528894
Oppure visitare il sito: http://www.traghetto-santalberto.it/

Itinerari:
Percorsi principali in bici e a piedi da S.Alberto:

Primo percorso:
Partendo da S.Alberto, attraversando il Fiume con il traghetto, è possibile costeggiare le Valli Meridionali di Comacchio seguendo un percorso di rilevante pregio naturalistico: dirigendosi verso la Foce del Reno, a piedi o in bicicletta, è possibile proseguire sull’argine del fiume Reno per circa 12 km fino a Passo Primaro (l’area è un vero paradiso degli uccelli: fenicotteri, aironi, avocette, gabbiani rosei e gabbiani corallini sono alcuni degli esempi delle specie che vi possiamo trovare).
A questo punto, se si desidera compiere un percorso “ad anello”, è possibile proseguire lungo la Via Corriera Antica ( dove si potrà osservare il cippo di Anita Garibaldi) e successivamente procedere lungo l’argine destro del Canale Destra Reno (evitando in questo modo le strade più trafficate).
Giunti all’incrocio con la Via S.Alberto svoltare a destra.

Secondo percorso (diverso il ritorno):
Partendo da S.Alberto, attraversando il Fiume con il traghetto, è possibile costeggiare le Valli Meridionali di Comacchio seguendo un percorso di rilevante pregio naturalistico: dirigendosi verso la Foce del Reno, a piedi o in bicicletta, è possibile proseguire sull’argine del fiume Reno per circa 12 km fino a Passo Primaro (l’area è un vero paradiso degli uccelli: fenicotteri, aironi, avocette, gabbiani rosei e gabbiani corallini sono alcuni degli esempi delle specie che vi possiamo trovare).
A questo punto, se si desidera compiere un percorso “ad anello”, è possibile proseguire lungo la Via Corriera Antica ( dove si potrà osservare il cippo di Anita Garibaldi), giunti all’incrocio con la Strada Provinciale Basilica svoltare a destra. Una volta superata la casa ove morì Anita Garibaldi (Cascina Guiccioli) e l’abitato di Mandriole, prendere la Via Gattolo Superiore. In questo modo si potrà seguire quello che era l’antico corso del Po di Primaro.
Giunti all’incrocio con la Strada Provinciale Basilica svoltare a destra e proseguire per S.Alberto.
(Attenzione: la Strada Provinciale Basilica nei mesi estivi è molto trafficata)

Terzo Percorso:
Partendo da S.Alberto, attraversando il Fiume con il traghetto, è possibile costeggiare la Valle Fossa di Porto seguendo un percorso interessante dal punto di vista naturalistico, accessibile anche alle auto.
Una volta attraversato il Fiume proseguire il percorso lungo la Via Rotta Martinella, giunti all’incrocio con la Strada Panoramica dell’Agosta svoltare a destra, seguendo le indicazioni per Comacchio. Si percorrerà in questo modo l’argine Agosta fino a giungere alla zona settentrionale delle Valli.
Presso la Stazione Foce (sede del Museo delle Valli di Comacchio) partono percorsi naturalistici a piedi, in bicicletta e con i barconi.
Distanza S.Alberto – Comacchio: 25 km circa

DALLA VALLE ALLA RISERVA                                                                       
Dalla Romea, svoltando verso ovest poco piu' a sud del fiume Reno si raggiungono i centri di Mandriole e S.Alberto. Qui, portandosi sull'argine del fiume Reno, l'antico Po di Primaro, si può accedere ad un piccolo traghetto (affitto bici e canoe) che consente di arrivare sulla sponda opposta, in prossimità della valle Furlana posta nella parte meridionale delle Valli di Comacchio, Oasi protetta dove nidificano e vivono aironi, garzette, volpoche, spatole. Verso est, si può ammirare la splendida penisola di Boscoforte e visitare l'Oasi di Volta Scirocco gestita dalla LIPU (tel.0544421950).Puntando invece verso ovest l'argine costeggia le ampie valli: proseguendo verso l'interno non può mancare una visita alla riserva naturale di Alfonsine: un'habitat ricco di stagni e boschetti.  

I RIFLESSI DELLA PINETA                                                                                  
Dalla SS.Romea voltando per Via del Fossatone si entra nella secolare pineta S.Vitale fino a raggiungere un'ampia radura dove sorge la Cà Vecchia, centro informazioni e documentazione del Parco.Da qui si snoda un percorso fruibile a piedi o in bicicletta che consente di visitare la caratteristica chiesetta della Madonna del Pino, di attraversare i ponticelli sul canale Fossatone, di raggiungere bassure ove ammirare aironi, folaghe, anatre e infine, di scoprire la Pialassa Baiona, una laguna salmastra ricca di pesce e avifauna.La Valle Baiona può essere raggiunta anche da Casal Borsetti, da Via delle Valli e dalle località di Porto Corsini e Marina Romea.

FRA VERDI OASI                                                         
Attraverso la SS.Romea è agevole raggiungere la foresta allagata di Punte Alberete, presso il canale Fossatone. Dal piccolo parcheggio posto in fregio alla statale, la visita può svilupparsi all'interno dell'oasi preferibilmente accompagnati da una guida Arca (tel.0544465019).Il percorso dura circa 2 ore e attraverso comodi punti di osservazione è facile ammirare aironi, germani, martin pescatori, sgarze e morette tabaccate. Un po' più a nord di Punte Alberete (nella Valle della Cassa Colmata del Lamone a ridosso del fiume Lamone) una torretta di avvistamento consente una visione ottimale della Valle Mandriole (già Cassa di colmata del Lamone):un paradiso per gli amanti delle foto naturalistiche e dei bird-watching.

Divertimenti:
Bar e Ristoranti, Osterie e Trattorie tipiche

Sport e Tempo Libero:
Servizio Area Camper
Nelle vicinanze dell'area verde e dei campi da tennis, all 'interno del paese, e' presente un'area camper attrezzata, utilizzabile gratuitamente. Nell'area e' possibile fare rifornimento d'acqua e scaricare le acque scure.L'area camper si trova in p.zza Tempioni raggiungibile da via Tapparelli.

Parco Bimbi
All' interno del paese si può sostare e giocare in due aree verdi e in un'area pic-nic.La prima è il giardino pubblico di via Cavedone, attrezzato con panchine all'ombra di grandi tigli.La seconda si trova nelle vicinanze delle scuole medie e del circolo tennis in via Beltrami.E' attrezzata con giochi per bambini, giostrine, altalene e un piccolo campo da calcio, il parco è raggiungibile anche dall'area camper.In fondo al paese, vicino al traghetto sul fiume Reno si allunga un area attrezzata per pic-nic, qui si può sostare liberamente per pranzare al sacco, girare in bici e in canoa (è possibile anche affittarle in loco) 

Magazine locale:

Da non perdere:
CENTRO VISITE DEL PARCO DEL DELTA DEL PO PALAZZONE DI S.ALBERTO
via Rivaletto n.25
S.Alberto (Ra)
Tel. e fax 0544/528710
e-mail: pal-santalberto@atlantide.net
Si raggiunge percorrendo la SS 16 in direzione Venezia SS309 (Romea), seguendo le indicazioni per S.Alberto.

Il Centro Visite è il Punto di contatto privilegiato a disposizione dei cittadini delle scuole e delle piccole aziende e costituisce un luogo in cui insegnanti, ragazzi e visitatori possono ottenere informazioni relativamente a iniziative ed eventi ambientali e culturali che si svolgono sul territorio.
All’interno del Palazzone si svolgono laboratori didattici per le scuole materne, elementari e medie della provincia di Ravenna, su argomenti storici e naturalistici e, all’interno del Palazzone vengono ospitate mostre storiche e naturalistiche durante tutto il corso dell’anno, nonché incontri, dibattiti e seminari su tematiche ambientali.

Dal 1 Gennaio al 15 marzo e dal 15 Novembre al 31 Dicembre:
Mercoledì, Giovedì, Venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14,30 alle 16,30
Sabato dalle 9 alle 13
Dal 15 Marzo al 10 Giugno e dal 10 Settembre al 15 Novembre:
Mercoledì, Giovedì, Venerdì dalle 9 alle 13 e dalle 14,30 alle 16,30
Sabato dalle 9 alle 13 e dalle 14 alle 18
Domenica dalle 10 alle 13 e dalle 14 alle 18
Dal 10 Giugno al 10 Settembre:
Sabato e Domenica dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 14 alle 18

Dintorni:
S.Alberto e il Parco del Delta del Po
Il Parco Regionale del Delta del Po è stato istituito con la Legge Regionale 2 luglio 1988 n. 27.
È il più esteso fra i Parchi Regionali (circa 60.000 ettari) e occupa un’importantissima porzione di territorio della Regione Emilia Romagna a partire , a nord, dal corso del Po di Goro si sviluppa fino a ricomprendere tutto il delta storico; le foci di alcuni fiumi appenninici quali il Reno, il Lamone, i Fiumi Uniti, il Bevano; le zone umide salmastre site lungo la costa adriatica e nell’immediato entroterra quali la Sacca di Goro, le Valli di Comacchio, le Piallasse ravennati, le Saline di Cervia; le zone umide interne di acqua dolce delle Valli di Campotto; boschi e pinete come il Bosco della Mesola e le pinete di San Vitale e Classe.

Il territorio del parco si articola in sei “stazioni” caratterizzate da specifiche emergenze di carattere naturalistico, paesaggistico e storico – testimoniale:
Volano – Mesola – Goro
Centro storico di Comacchio
Valli di Comacchio
Campotto di Argenta
Pineta di San Vitale
Piallasse di Ravenna
Pineta di Classe
Saline di Cervia

Immagine:

Compagnia dell'Adriatico











RavennaBlu® è marchio registrato proprietà di InteRa srlwww.intera.it [apre una nuova finestra]