salta al contenuto
salta al menu delle attività turistiche
Logo RavennaBlu
RavennaBlu il portale del turismo e del tempo libero per Ravenna e Provincia, Hotel Romagna, Hotel Ravenna, Hotel Cervia, Hotel Milano Marittima

NEW LOGO

- RavennaBlu 2006 -

Every year the web site for the Tourism
for Ravenna and Province dawns services and layout.

This year we made a NEW LOGO!!

The historical boat from the 2001
leave us for  a Sunflower


Moreover we present a new image, new services, more news for a fantastic
holiday to discover our land.

RavennaBlu is always close to you!



Ravenna

Nome Località: Ravenna

Proloco – IAT:
via Salara 8/12
tel. 0544.35404 – fax 0544.35094
http://www.turismo.ravenna.it/
turismo@comune.ravenna.it
orari:
feriale 8:30 – 19:00
festivo 10:00 – 16:00

I.A.T TEODORICO
via delle Industrie, 14 - Cap 48100
Accessibilità: zona semicentrale, linea bus n. 2-8, parcheggio e mini area di sosta, a fianco del Mausoleo di Teodorico
Telefono: 0544 451539
email: teodorico.iat@libero.it
Apertura: 01/01 - 31/12 - Feriale e Festivo: 9.30 - 12.30 15.30 - 18.30
Note: Punto internet

Storia:
Ravenna città d’arte e cultura, città del mosaico, città antica che 1500 anni fa è stata tre volte capitale: dell’impero romano d’occidente, di Teodorico re dei Goti, dell’impero di Bisanzio in Europa.
La magnificenza di quel periodo ha lasciato a Ravenna una grande eredità di MONUMENTI, di edifici religiosi decorati con mosaici che sono stati dichiarati patrimonio dell’umanità dall’UNESCO. L’arte del mosaico non è nata a Ravenna, ma a Ravenna ha trovato la sua più ampia espressione: qui è nata l’iconologia cristiana, un misto di simbolismo e realismo, di influenze romane e bizantine; qui un esametro latino sulle pareti della Cappella Arcivescovile cita: Aut lux hic nata est aut capta hic libera regnat… ovvero "O la luce è nata qui o, qui imprigionata, libera regna".
La bellezza dei mosaici e l’armonia delle architetture, ma non solo: a Ravenna si può passeggiare fra torri campanarie e chiostri monastici, passare dagli affreschi giotteschi di Santa Chiara all’abside barocca di Sant’Apollinare Nuovo. Ravenna è romana, gota, bizantina ma anche medievale, veneziana ed infine moderna e contemporanea, civile ed ospitale, ricca di eventi e manifestazioni di prestigio internazionale.
RAVENNA ANTICA
Il primo centro urbano che sarebbe diventato poi la città di Ravenna sorgeva su un gruppo di isolette, era lambito dal mare, attorniato dalle paludi e a nord-est e a sud si collegava con la catena di dossi dunosi.
Con il passare dei secoli e il continuo apporto di detriti alluvionali da parte dei vari rami del Po, si formò un nuovo arco dunoso che segnò un ulteriore limite della spiaggia.
Sulle origini di Ravenna vi sono molte leggende, ma poche certezze: Dionigi D'Alicarnasso riferiva che la città fosse stata fondata sette generazioni prima della guerra di Troia, secondo Strabone fu fondata dai Tessali, mentre Plinio la chiama città dei Sabini.
In tempi storici la città fu occupata dagli Etruschi e questo può essere dedotto dal fatto che il suffisso - enna della voce Ravenna sembra essere tipicamente etrusco.
Un'altra prova della presenza di questa civiltà può considerarsi il ritrovamento, a Ravenna, di alcuni oggetti di fattura sicuramente etrusca, come dei bronzetti votivi ed una statuetta di guerriero che forse risale alla fine del VI sec. a.c., con un'iscrizione etrusca, ora conservata nel Museo di Antichità di Leida in Olanda.
La storiografia insiste sulla presenza degli Umbri che in tempi storici si spinsero fino al Po.

RAVENNA ROMANA
La storia della città è assai poco nota fino al III sec. A.C., quando Ravenna entrò nell'orbita di Roma come civitas foederata.Per i Romani Ravenna rappresentò un punto strategico di grandissima importanza: essa era da più parti isolata dalla terraferma grazie alla presenza delle paludi, che rappresentavano una difesa naturale non indifferente, ma allo stesso tempo aveva diretto accesso al mare da dove poteva ricevere rifornimenti e rinforzi. La città fu scelta da Cesare come suo quartiere generale durante le trattative con il senato.
Il Porto di Classe ebbe origine e grande potenziamento ad opera di Ottaviano Augusto, che per meglio difendere l'Adriatico e i mari del vicino Oriente, volle farlo stanza d'una flotta pretoria composta di 250 navi, diventando la principale base della flotta del Mediterraneo centrale.
Il Porto sorse a circa 4 Km. a sud-est della città, l'imperatore Ottaviano Augusto volle che il grande porto militare fosse unito attraverso un largo canale al ramo meridionale del Po. Tale canale è la Fossa Augusta, che prima di giungere a Ravenna forse si divideva in due rami: uno girava intorno alle mura, rafforzando la difesa della città; l'altro scorreva in mezzo alle abitazioni, agevolando così l'attività commerciale. Da allora in poi la vita di Ravenna fu accentrata intorno al porto e alla flotta, il cui comandante era l'uomo più prestigioso della città. Erano fiorenti i traffici (esportazione di asparagi, di pesce e di legname, proveniente dall'Italia settentrionale) e l'industria (cantieri navali).
La città in quell'epoca si presentava con una struttura topografica veramente singolare, in quanto era formata da isolotti collegati fra di loro da diversi ponti.
Il forte sviluppo economico ebbe come conseguenza l'aumento della popolazione e l'ampliamento urbanistico.Come gli antichi oppida municipali (città fortificata), anche quello di Ravenna ebbe un perimetro quadrangolare. Nella cinta muraria, innalzata o restaurata da Claudio nel 43 A.C., primo anno del suo impero, si aprivano due porte che furono denominate in epoca posteriore una Porta Salustra e l'altra Posterula Latronum. La Porta Aurea presentava due aperture ed era fiancheggiata da due torri cilindriche; la porta è riprodotta nel sigillo medievale della città e nei disegni di alcuni architetti rinascimentali, fra questi il Palladio e il Sangallo.
Le due torri cilindriche furono abbattute dai Veneziani sullo scorcio del XV secolo, la porta vera e propria fu demolita nel 1582 per fornire del semplice materiale da costruzione. Ravenna, ancor prima del II sec. dopo Cristo, incominciò ad estendere le sue costruzioni al di fuori dell'oppidum municipale, in quella zona che poi fu chiamata Regio Caesarum.

RAVENNA CAPITALE
Grazie alla sua particolare posizione strategica all'inizio del V sec., Onorio la scelse Ravenna come la nuova capitale dell'Impero d' Occidente.
La città assunse l'aspetto splendido e fastoso d'una residenza imperiale: sorsero magnifiche costruzioni civili e religiose interamente rivestite da mosaici, come per esempio la grande Basilica Ursiana a cinque navate e l'attiguo Battistero, la chiesa di Santa Croce e il Mausoleo di Galla Placidia, la chiesa di S. Giovanni Evangelista e quella dedicata agli Apostoli, oggi S. Francesco.
Intanto il circuito delle mura si andò ampliando.
Verso l'ultimo decennio del V secolo giunse nei pressi di Ravenna Teodorico a capo degli Ostrogoti.
Dopo tre anni di assedio, Teodorico che prima assunse il titolo di Dominus e poi di Rex, fu un sovrano saggio ed illuminato. Egli diede grande impulso all'attività edilizia, intraprese grandi lavori di bonifica delle paludi circostanti e restaurò l'acquedotto traianeo, tanto è vero che alcune fistulae plumbee (tubi per condurre le acque) ritrovate nel 1938 recano la seguente iscrizione a rilievo: D (omi) n (us) Rex Theodoricus civitati reddidit.
Fra gli edifici innalzati in questo periodo è da ricordare la residenza di Teodorico, il Palatium, del cui aspetto esterno una qualche idea ci è data dal mosaico che lo raffigura all'inizio della parete destra di S. Apollinare Nuovo;la sua planimetria ci è nota grazie agli scavi effettuati all'inizio dello scorso secolo dal Ghirardini.
Teodorico era ariano come il suo popolo e per questo fece costruire dei luoghi di culto ariani. Sorse l'Anastasis Gothorum, oggi chiesa dello Spirito Santo, in funzione di cattedrale; vicino fece costruire il Battistero Ariano. Accanto alla sua reggia Teodorico fece innalzare la stupenda basilica dedicata inizialmente al Salvatore, oggi S. Apollinare Nuovo.
A Ravenna non vi furono mai gravi contrasti tra cattolici e ariani, solo verso la fine del regno di Teodorico sorsero conflitti significativi quando il Sovrano, non soddisfatto del risultato della missione di Papa Giovanni in Oriente presso l'Imperatore Giustiniano, al quale si era rivolto per ottenere favori per gli Ariani, fece prigioniero il papa, il quale, morendo nel maggio del 526, fu considerato una victima Christi. Tre mesi più tardi morì anche Teodorico.
Nel 540 Belisario, generale di Giustiniano, entrò in Ravenna, così la città passo ai Bizantini e nel 554 fu fatta sede della prefettura d'Italia.
Giustiniano, poco dopo, attraverso un editto concesse tutti i beni immobili degli Ariani ai cattolici: il Battistero fu trasformato in chiesa di S. Maria e la chiesa dedicata da Teodorico al Salvatore fu riconciliata al culto cattolico e dedicata a Vescovo S. Martino, che aveva combattuto strenuamente gli eretici.
I principi basilari della dottrina cattolica furono vigorosamente riaffermati.
Di questo periodo sono le chiese di S. Vitale (iniziata sotto i Goti ma terminata sotto i Bizantini) e S. Apollinare in Classe.

RAVENNA MEDIEVALE
Le lotte con i Longobardi, qualche decennio dopo, determinarono il passaggio del potere politico nelle mani degli Esarchi, i governanti militari, che costituirono a Ravenna una vera e propria corte modellata sull'esempio di quella imperiale.
I Bizantini in un primo momento fecero rifluire nella città la vita sfarzosa degli orientali adornarono gli edifici con marmi fatti venire dal Proconneso e con mosaici fatti eseguire da artisti educati forse a Bisanzio.
Questo splendore di opere d'arte non durò a lungo, anche perché il grande porto di Classe, non essendo più sede della flotta e dunque non più curato, aveva perduto la sua iniziale efficienza, e ciò anche perché si era in buona parte interrato.
Di conseguenza diminuirono i traffici e i commerci e la città, malgovernata per quasi due secoli dagli Esarchi e poi brevemente, verso la metà dell'VIII secolo, dai Longobardi e dai Franchi, fu ridotta allo stremo di ogni forza, non bastando a darle splendore e potenza la pretesa degli Arcivescovi di rendere la Chiesa indipendente da Roma.
All'epoca degli Ottoni gli arcivescovi divennero grandi feudatari dell'Impero e la città sembrò riprendere un po' più di vita.
Sorse il Comune e con esso uno Studio e una scuola di ars notaria. Ma il potere passò presto in mano a famiglie guelfe o ghibelline che erano continuamente in lotta fra di loro.
Nel XIII e nel XIV secolo si impose la signoria dei Da Polenta, fra i cui membri è noto in modo particolare Guido Novello per aver ospitato Dante Alighieri esule da Firenze.
Il Sommo Poeta morì a Ravenna nella notte fra il 13 ed il 14 settembre del 1321, la sua salma si trova ai Chiostri Francescani, accanto ad essi c'è la Tomba di Dante, piccola e modesta costruzione in stile neoclassico, eretta nel 1780 dall'architetto Camillo Morigia per volere del Cardinale Legato Luigi Valenti Gonzaga, il cui stemma sormonta appunto la porta d'ingresso.

Le diverse dominazioni
Dall'inizio del Quattrocento la città fu sotto la giurisdizione della Repubblica veneta, che la dominò direttamente dal 1441 al 1509, anno in cui Ravenna passò, per trattato, alla Chiesa.
Nel 1512, durante la guerra della Lega Santa, Ravenna fu presa dai Francesi e saccheggiata con grave strage dei suoi cittadini.
Si ebbe, da questo momento in poi, un travagliato periodo di lotte civili, sostenute dai Rasponi che miravano ad impadronirsi del potere.
Seguì un breve periodo di predominio veneziano e poi, con la pace di Cambrai, nel 1530 Ravenna ritornò entro lo stato della Chiesa.
La vita della città sotto il governo pontificio si svolse senza avvenimenti di particolare rilievo: solamente nell'età napoleonica si ebbero invasioni di diversi eserciti in guerra.
I Francesi arrivarono nel 1796, gli Austriaci, ancora i Francesi nel 1800, nuovamente gli Austriaci, e gli Inglesi, nel 1813, ed infine, dopo altre vicende, il ritorno alla dominazione pontificia quando Napoleone fu completamente vinto.
L'avventura napoleonica aveva suscitato grandi speranze fra i ravennati, che andavano a scontrarsi con la grettezza conservatrice dei governanti; ciò favorì l'accendersi a Ravenna delle tensioni liberali.
Durante i Moti del 1831 essa fece parte delle Province Unite e nel 1849 della Repubblica Romana che era appoggiata da larga parte della popolazione.
Nel 1859 la città ottenne l'annessione al regno di Sardegna, e nel 1861 ne divenne provincia.

Patrono e Ricorrenze:

PATRONO
24 Luglio Sant'Apollinare

I FESTIVAL
25 giugno /primi di settembre
ROCCA CINEMA 2004

21 / 26 settembre Festival Internazionale del Cinema Horror
RAVENNA NIGHTMARE FILM FESTIVAL

20 / 22 ottobre
INCONTRI DEL CINEMA D'ESSAI

3 /12 novembre Il Cinema di un autore cinematografico emiliano-romagnolo
IL CINEMA di PUPI AVATI –
Rassegna, Convegno, Mostra, Incontro con il regista.
RASSEGNA SOCIALE DEL TEATRO ROMAGNOLO 2004

RAVENNA FESTIVAL

MERCATINI
Centro Storico
Mostra Mercato Antiquariato ed Artigianato "Città di Ravenna"
3° sabato e domenica di ogni mese 

Centro Storico
Mercatino "Fatto ad Arte"
Ogni venerdì dal 1 giugno al 30 agosto ore 18.30-23.30.
Il primo sabato e domenica di ogni mese da settembre a maggio
   
Via A. Diaz 
Mostra Mercato del Naturale e del Biologico
3° sabato e domenicadi ogni mese

Centro Storico
Natale in Centro
Periodo Natalizio

Viale Farini 
Natale in Viale Farini 
Le 3 domeniche che precedono il Natale

Mercato della città il MERCOLEDI e il SABATO di fronte allo stadio

Collegamenti - Trasporti:
Treno
Stazione di Ravenna Indirizzo: Piazzale Farini 13 - 48100 Ravenna
Telefono: 0544 212755
Per informazioni. 8488 88088
Accessibilità: Nel centro di Ravenna, situata a 200 m. dall'isola pedonale. Posteggi bus nelle vicinanze.
Posteggi auto nelle vicinanze a pagamento e non.
Assistenza disabili: tutti i giorni dalle 8 alle 20.

Linee ferroviarie:
Rimini – Ravenna – Ferrara
Ravenna – Bologna via Castel Bolognese
Ravenna – Bologna via Faenza

Auto
Raccordo autostrada Bologna - Ravenna sull'A14 Milano - Ancona
Strada Statale 309 Romea per chi viene da Venezia
Strada Statale Adriatica per chi viene da Rimini

Bus
Indirizzo Punto Bus: Piazza Farini - 48100 Ravenna
Telefono: 0544-689900
Accessibilità: Vicinanze stazione ferroviaria, nel centro storico.
Posteggio a pagamento nelle vicinanze.
Orario di apertura al pubblico:
feriale: 6.30 - 19.30 - festivo: 7.30 - 19.30
Sito web: http://www.racine.ra.it/atm/

Stazione Autobus extraurbani P.le Aldo Moro
Telefono per informazioni: 0544 35404
Accessibilità: Zona centrale, dietro alla Stazione FF.SS., a fianco del Canale Candiano
Fermata degli autobus extraurbani.
Trasporti pubblici Bologna - www.atc.bo.it
Agenzia per la Mobilità Forlì Cesena - www.atr-online.it
Linee:
Corriere Atr per collegamenti paesi della provincia di Ravenna e le città: Forlì – Cesena – Bologna -Milano. 

Taxi
c/o Stazione Ferroviaria di Ravenna - tel. 0544 33888

C'entro in bici
Biciclette di colore giallo solo per i turisti.
E' un servizio gratuito fruibile nei seguenti orari:
dal lunedì al sabato 8.30 - 19.00
domenica dalle 10.00 alle 16.00
La chiave è reperibile presso l'Ufficio Turismo I.A.T.
Via Salara 8, Ravenna
E' richiesto un documento
Attenzione: le biciclette non possono essere consegnate ai minori.
Non sono predisposte per un secondo passeggero (anche bambino)
Per informazioni: turismo@comune.ravenna.it
tel. 0544 482663 - 482664

Nave e barca
· La linea Ravenna - Catania - Ravenna Adriatica di Navigazione

C'è un'alternativa al traffico - dalla città al mare
Ogni domenica da giugno a settembre si potrà andare in battello dalla città fino al mare, navigando lungo il Canale Candiano. Si può portare anche la bicicletta: il battello è munito di oltre 20 porta biciclette.

partenze da Ravenna
(darsena - ponte mobile lato nord)
8.40 - 10.10 - 19.10 - 20.40
(arrivo a Marina di Ravenna)
9.30 - 10.50 - 20.00 - 21.20
partenze da Marina di Ravenna
(darsena di fronte al distributore)
8.00 - 9.30 - 18.30 - 20.00
(arrivo a Ravenna - darsena - ponte mobile lato nord)
8.40 - 10.10 - 19.10 - 20.40
Costo del biglietto
Euro 2,00 corsa semplice
Euro 3,00 andata e ritorno
ore 20.00: rientro a Ravenna con possibilità di cena a bordo

Itinerari:

ARTE

Percorso Unesco - 8 Monumenti
Ravenna, la città del mosaico, è stata riconosciuta patrimonio mondiale da parte dell'UNESCO. Otto monumenti che costituiscono il patrimonio di 1500 anni di storia, sono stati inseriti dall'UNESCO nella World Heritage List, la Lista del Patrimonio Mondiale. Questa la motivazione che fa dei monumenti di Ravenna un tesoro per tutta l'umanità: "L'insieme dei monumenti religiosi paleocristiani e bizantini di Ravenna è di importanza straordinaria in ragione della suprema maestria artistica dell'arte del mosaico. Essi sono inoltre la prova delle relazioni e dei contatti artistici e religiosi di un periodo importante della storia della cultura europea".Gli 8 monumenti inseriti dall'UNESCO nellaWorld Heritage List, la Lista del Patrimonio Mondiale:

Mausoleo di Galla Placidia | Battistero Neoniano | Sant'Apollinare Nuovo | Battistero degli Ariani | Cappella Arcivescovile | Mausoleo di Teodorico | Basilica di San Vitale | Sant'Apollinare in Classe




Mausoleo di Galla Placidia
Indirizzo:  Via Fiandrini - 48100 Ravenna
Telefono:  0544 215193
Accessibilità:  Centro storico, zona a traffico limitato. Bus n. 10-11 fermata Piazza Baracca. Parcheggio Piazza Baracca per auto a pagamento a m. 200 e Largo Giustiniano parcheggio custodito annesso all'entrata del Mausoleo.Vicinanza con Basilica di San Vitale e Museo Nazionale.Accessibile a portatori di handicap.
Orario feriale - festivo:  9.00 - 19.00
chiusura biglietteria: 18.45

Battistero Neoniano
Indirizzo :  Piazza Duomo - 48100 Ravenna
Telefono :  0544 215201
Orario feriale - festivo:  9.00 - 19.00
chiusura biglietteria: 18.45
Orari e prezzi per l'anno 2003

Sant'Apollinare Nuovo
Accessibilità :  Zona pedonale, fermata tutte le linee urbane a 200 m, parcheggio pullman a m. 200. parcheggio auto a m. 100, a 700 m. dalla stazione ferroviaria. Accessibile ai portatori di handicap.Nelle vicinanze Palazzo di Teodorico, complesso del Museo d'Arte della Città e Santa Maria in Porto
Indirizzo :  Via di Roma - 48100 Ravenna
Telefono :  0544 219518
Orario feriale - festivo:  9.00 - 19.00
chiusura biglietteria: 18.45

Battistero degli Ariani
Accessibilità :  Zona centrale, zona pedonale, a 100 m. da parcheggio pubblico, a 100 m. da fermata bus (tutte le linee), accessibile ai portatori di handicap.Nelle vicinanze Basilica dello Spirito Santo.
Indirizzo :  Piazzetta degli Ariani - 48100 Ravenna
Telefono :  0544 35404
Per informazioni: Soprintendenza dei Beni Ambientali e Architettonici, V. San Vitale, 17
tel 0544 451539
Orario feriale :  8.30 - 19.30
Orario festivo :  8.30 - 19.30

Cappella Arcivescovile
Cappella di S. Andrea
Accessibilità :  Zona centrale, fermata tutte le linee a m.200, parcheggio auto m. 50. Nelle vicinanze Duomo, Museo Arcivescovile e Battistero NeonianoNon accessibile ai portatori di handicap.
Indirizzo :  Piazza Arcivescovado - 48100 Ravenna
Telefono :  0544 219938

Mausoleo di Teodorico
Indirizzo :  Via delle Industrie 14 - 48100 Ravenna
Telefono : 0544 451539
Orario :  8.30 - 19.00
chiusura biglietteria:  18.30
Prezzo intero :  Euro 2.00

Basilica di San Vitale
Accessibilità :  Centro storico, zona a traffico limitato. Bus n. 10-11 fermata Piazza Baracca. Parcheggio Piazza Baracca per auto a pagamento a m. 200 e Largo Giustiniano parcheggio custodito annesso all'entrata del complesso.Vicinanza con Mausoleo di Galla Placidia e Museo Nazionale.Accessibile a portatori di handicap.
Indirizzo :  via Fiandrini - 48100 Ravenna
Telefono :  0544 215193
Orario feriale - festivo:  9.00 - 19.00
chiusura biglietteria: 18.45

Sant'Apollinare in Classe
Accessibilità :  Località Classe, 5 km a sud di Ravenna, stazione ferroviaria a 5 minuti, bus n. 4-40, parcheggio auto, parcheggio pullman, accessibile ai portatori di handicap.
Area sosta camper e Iat nelle adiacenze.
Indirizzo :  Via Romea Sud, 216 - 48100 Ravenna
Telefono :  0544 473661
Tutti i giorni :  8.30 - 19.30 chiusura biglietteria ore 19.00
Domenica :  13.00 - 19.00
Prezzo intero :  Euro 2.00
Ridotto :  del 50% dai 18 ai 25 anni
Gratuità : per cittadini italiani ed europei che non hanno compiuto i 18 anni e per quelli che hanno superato i 65 anni; per gruppi e comitive di scuole italiane, statali e non statali, accompagnati dai loro insegnanti e muniti di autorizzazione del Preside o del Direttore Didattico.

------------------------
Ville, dimore storiche
Palazzo di Teodorico
Indirizzo :  Via di Roma angolo Via Alberoni - 48100 Ravenna
Orario feriale :  8.30 - 16.30
Prezzo intero :  ingresso gratuito

Capanno Garibaldi
Accessibilità :  Dista 8 km da Ravenna, lo si raggiunge dalla via Romea nord, seguendo la strada per Porto Corsini e Marina Romea fino al cartello turistico 'Capanno Garibaldi' da cui dista m.200. Il percorso attraversa la zona industriale, nella quale domina il complesso
Indirizzo :  Via Baiona - 48100 Ravenna - Porto Corsini
Telefono :  0544 212006
sito web :  www.capannogaribaldi.ra.it/
Orari :  visite su prenotazione
Biglietto:  ingresso gratuito

Giardini e parchi
Parco della Pace
Accessibilità :  Zona viale Randi, a pochi km. dal centro storico. Parcheggio auto e bus in strada, bus 30-33 fermata in via Cassino oppure 4-40 in Viale Randi.
Indirizzo :  Via Marzabotto, Via Marconi - 48100 Ravenna
Telefono :  0544 482815
Orario feriale :  7.00 - 20.00
Prezzo intero :  ingresso gratuito

Giardini del Palazzo della Provincia
Accessibilità :  Zona centrale, zona semi pedonale, fermata bus a 20 m. per tutte le linee bus, parcheggio auto a m. 100, parcheggio bus a m. 20.Nelle vicinanze Basilica di San Francesco, Tomba di Dante e Museo Dantesco
Indirizzo :  Piazza dei Caduti - 48100 Ravenna
Telefono :  0544 541111
Orario feriale :  8.30 - 17.30
Sabato :  8.30 - 13.00
Domenica:  aperto solo in caso di mostre
Prezzo intero :  ingresso gratuito

Giardino delle Erbe Dimenticate
Indirizzo :  Incrocio di Via Rasponi con via Guerrini - 48100 Ravenna
Per informazioni :  0544 34746
Accessibilità :  Zona centrale, fermata bus a 20 m. (linee 10-11-metrobus rosso), parcheggio auto Piazza Kennedy a m. 10 (a pagamento)
Orario feriale :  dalle 9 alle 12.45 e dalle 15.30 alle 19.30
Orario festivo :  dalle 9 alle 12.45 e dalle 15.30 alle 19.30
Giorno di chiusura :  giovedì pomeriggio
Prezzo intero :  ingresso gratuito

Castelli, rocche, torri, fortezze, campanili

Rocca Brancaleone
Indirizzo :  Via Rocca Brancaleone - 48100 Ravenna
Telefono :  0544 36094
Orario feriale :  9.00 - 20.00
Orario festivo :  9.00 - 20.00
Prezzo intero :  ingresso gratuito
Nel periodo estivo la Rocca Brancaleone rimane aperta sino a sera tarda con il cinema all’aperto “Rocca Cinema” e con diverse manifestazioni, feste, musica organizzate dal Comune di Ravenna
Collezioni, gallerie, musei, pinacoteche

Museo Nazionale
Indirizzo :  Via Fiandrini - 48100 Ravenna
Telefono: 0544 31241
Orario feriale :  8.30 - 19.30 chiusura biglietteria ore 19.00
Orario festivo :  8.30 - 19.30 chiusura biglietteria ore 19.00
Chiusura settimanale :  lunedì
Ridotto del 50% dai 18 ai 25 anni
Gratuità :  per cittadini italiani ed europei che non hanno compiuto i 18 anni e per quelli che hanno superato i 65 anni; per gruppi e comitive di scuole italiane, statali e non statali, accompagnati dai loro insegnanti e muniti di autorizzazione del Preside o del Direttore Didattico.
 

Museo Arcivescovile
Indirizzo :  Piazza Arcivescovado
CAP :  48100
Località :  Ravenna
Telefono :  0544 215201
Feriali e festivi : 9.30 - 19.00 chiusura biglietteria 18.45
Accessibilità :  Zona centrale, fermata tutte le linee a m.200, parcheggio auto m. 50. Nelle vicinanze Duomo, Battistero Neoniano e Cappella di S. Andrea.Non accessibile ai portatori di handicap.

Museo Dantesco
Indirizzo :  Via Dante Alighieri 9 - 48100 Ravenna
Telefono :  0544 30252
Sito web :  www.racine.ra.it/centrodantesco/
Orari :  9.00 - 12.00
Chiusura settimanale :  Lunedì
Prezzo intero :  Euro 2.00
Ingresso gratuito :  per i cittadini italiani e della CEE minori di 18 anni, per i maggiori di 60 anni, gruppi di studenti accompagnati, guide turistiche, giornalisti

Domus dei Tappeti di Pietra
Indirizzo :  Via D'Azeglio - 48100 RavennaIngresso dalla chiesa di Santa Eufemia - via Barbiani
Telefono :  0544.32512
e-mail :  info@ravennantica.it
Sito web :  www.ravennantica.it
Accessibilità :  Centro storico, zona a traffico limitato. fermata bus via d'Azeglio a 50 m., linee 10-11-metrobus rosso. Parcheggio Piazza Baracca per auto a pagamento a m. 500 solo per auto e Largo Giustiniano parcheggio custodito.
Orari :  Feriale e festivi 10.00 - 18.30Sabato 10.00 - 16.30Chiusura il lunedì 

Museo d'Arte della Città
Indirizzo :  Via di Roma 13 - 48100 Ravenna
Telefono :  0544 482356 0544 482791
sito web :  www.museocitta.ra.it
email :  museodartedellacitta@museocitta.ra.it
orari per la Pinacoteca:  
Martedì - Giovedì - Venerdì: 9.00 - 13.00 ; 15.00 - 18.00
Mercoledì - Sabato: 9.00 - 13.30
Domenica e festivi: 15.00 - 18.00 Lunedì chiuso

Santa Maria delle Croci
Indirizzo :  Via Guaccimanni - 48100 Ravenna
Telefono :  0544 482054
Orari :  Fino al 30/06martedì, mercoledì, giovedì, sabato e domenica: 15.00 - 18.00
Chiusura settimanale :  Lunedì
Periodi di apertura :  in caso di mostre
 

Museo Ornitologico e di Scienze Naturali
Accessibilità :  Località Sant'alberto, 13 km a nord di Ravenna, Bus 140 -141 festivo -143.Accessibile alle persone disabili
Indirizzo :  Via Rivaletto 25 - Sant'Alberto - Ravenna
Telefono :  0544-482187
Orario feriale :  lunedì e martedì 8.00 - 13.00mercoledì, giovedì, venerdì 9.00-13.00 14.30-16.30 sabato 8.30 - 13.00 15.00-19.00
Orario festivo :  10.00 - 12.00 15.00 - 19.00

Museo degli strumenti musicali meccanici
Accessibilità :  Da Ravenna Strada Statale Adriatica n. 16 km. 163 (Presso il parco giochi di Mirabilandia). Bus n. 176 da Stazione FFSS per Cervia, fermata Mirabilandia.
Indirizzo :  S.S. Adriatica n.16 km163 (Via Romea Sud, 418) - Savio (Ravnna)
Telefono :  0544-560547
Orario :  visite per appuntamento
Prezzo intero :  ingresso gratuito

Museo Nazionale delle attività subacquee 
Indirizzo :  Viale IV Novembre 86/a - 48023 Marina di Ravenna Ravenna
Telefono e fax :  0544 531013
Per informazioni :  The Historical Diving Society
Accessibilità :  Frazione a 11 Km. da Ravenna, linea bus n. 70
email :  hdsitalia@racine.ravenna.it
sito web :  www.hdsitalia.com/
Orario feriale :  su appuntamento per gruppi in qualsiasi giorno
Sabato e Domenica:  dalle 15.00 alle 18.00
Prezzo intero :  Euro 2,58
Gratuità :  per i minori di 15 anni e per tutti gli studenti.

Mausolei

Mausoleo di Teodorico
Accessibilità :  Zona semicentrale, posteggio bus e auto, mini area di sosta, IAT, linea bus n. 2-8, non accessibile ai portatori di handicap.Nelle vicinanze Rocca Brancaleone.
Indirizzo :  Via delle Industrie 14 - 48100 Ravenna
Telefono : 0544 451539
Orario :  8.30 - 19.00
chiusura biglietteria:  18.30
Prezzo intero :  Euro 2.00
Biglietto comulativo :  Euro 5.00 (Monumenti compresi nel prezzo: Mausoleo di Teodorico + Museo Nazionale)Euro 6.50 (Monumenti compresi nel prezzo: Mausoleo di Teodorico +Museo Nazionale + S.Apollinare in Classe)
Ridotto : del 50% dai 18 ai 25 anni
Gratuità : per cittadini italiani ed europei che non hanno compiuto i 18 anni e per quelli che hanno superato i 65 anni; per gruppi e comitive di scuole italiane, statali e non statali, accompagnati dai loro insegnanti e muniti di autorizzazione del Preside o del Direttore Didattico.
 

Mausoleo di Galla Placidia
Indirizzo:  Via Fiandrini - 48100 Ravenna
Telefono:  0544 215193
Accessibilità:  Centro storico, zona a traffico limitato. Bus n. 10-11 fermata Piazza Baracca. Parcheggio Piazza Baracca per auto a pagamento a m. 200 e Largo Giustiniano parcheggio custodito annesso all'entrata del Mausoleo.Vicinanza con Basilica di San Vitale e Museo Nazionale.Accessibile a portatori di handicap.
Orario feriale - festivo:  9.00 - 19.00
chiusura biglietteria: 18.45

Tomba di Dante e Quadrarco di Braccioforte
Accessibilità :  Zona centrale, zona semi pedonale, fermata bus a 20 m. per tutte le linee bus, parcheggio auto a m. 100, parcheggio bus a m. 20. All'interno si accede da alcuni gradini.Nelle vicinanze Basilica di San Francesco, Giardini della Provincia e Museo Dantesco
Indirizzo :  Via Dante Alighieri 9 - 48100 Ravenna
Telefono :  0544 30252
Orario feriale e festivo:  9.00 - 19.00
Prezzo intero :  Ingresso gratuito
 

Archi, Porte e mura

Porta Adriana
Indirizzo :  Via Cavour
CAP :  48100
Località :  Ravenna
Per Informazioni :  IAT 0544 482664
Accessibilità :  Zona centrale, a ridosso zona pedonale, bus n. 10-11 fermata P.zza Baracca, parcheggio a pagamento in P.zza Baracca e in P.le Giustiniano

Porta Gaza
Indirizzo :  Via Porta Gaza
CAP :  48100
Località :  Ravenna
Per Informazioni :  IAT 0544 482664
Accessibilità :  Zona centrale nei pressi del duomo, Bus linee n° 2-8-mb-4-3-30. Fermata in Viale N. Baldini Parcheggio gratuito nelle vicinanze

Porta Nuova
Indirizzo :  Via di Roma
CAP :  48100
Località :  Ravenna
Per Informazioni :  IAT 0544 482664
Accessibilità :  Zona centrale, bus linea 4-40 fermata in via di Roma. Parcheggio bus in via S.Baldini, parcheggio gratuito nelle vicinanze. Nelle vicinanze si trovano i Giardini pubblici, Santa Maria in Porto e il complesso del Museo d'Arte della Città.

Porta Ravegnana o Portonaccio
Indirizzo :  Via Ravegnana
CAP :  48100
Località :  Ravenna
Per Informazioni :  IAT 0544 482664
Accessibilità :  Zona centrale, a ridosso della zona pedonale, bus linea 3 (fermate via S. Mama e via R. Ricci), parcheggi Via R. Ricci e via Castel S. Pietro (a pagamento) e via R. Serra di fronte ex macello (gratuito)

Porta San Mamante
Indirizzo :  Via San Mama
CAP :  48100
Località :  Ravenna
Per Informazioni :  IAT 0544 482664
Accessibilità :  Zona centrale Linea bus n° 3 fermate via R. Ricci e via S. Mama Parcheggio a pagamento: via R.Ricci e via Castel S. Pietro

Porta Serrata
Indirizzo :  Via di Roma
CAP :  48100
Località :  Ravenna
Per Informazioni :  IAT 0544 482664
Accessibilità :  Zona centrale, bus n. 2-3-8 fermate circ. alla Rotonda dei Goti e Via Sant'Alberto. Parcheggio gratuito P.le Torre Umbriatica, a pagamento P.le Giustiniano. Stazione FF.SS 500 metri.

Porta Sisi
Indirizzo :  Borgo San Rocco
CAP :  48100
Località :  Ravenna
Per Informazioni :  IAT 0544 482664
Accessibilità :  Zona centrale, a ridosso della zona pedonale, bus linea 3 (fermate via S. Mama e via R. Ricci), parcheggi Via R. Ricci e via Castel S. Pietro (a pagamento) e via R. Serra di fronte ex macello (gratuito)
 

Cappelle, oratori, tabernacoli, maestà

cappella di S. Andrea

Case coloniche

Fattoria Guiccioli
Accessibilità :  Da Ravenna percorrere la Statale Romea n. 309 fino a Casal Borsetti, poi voltare a sinistra per Mandriole e seguire le indicazioni in loco, linea bus n. 140.
Indirizzo :  Via Mandriole
Località :  Mandriole
Telefono :  335 6177239
Orari festivi e feriali :  9.00 -18.00 Da settembre a marzo 9.00 - 16.00 Visite per appuntamento

Siti archeologici

Zona archeologica di Classe
Accessibilità :  Da Ravenna centro in direzione Classe o Rimini a km 5, voltare a sinistra dopo il Ponte sui Fiumi Uniti per Lido di Dante, a pochi metri si trova l'entrata della Zona archeologica. Parcheggio per auto e bus presso l'entrata. Bus 4 e 40 da Stazione FFSS
Indirizzo :  Via Marabina - 48100 Classe Ravenna
Telefono :  0544-67705
Orario feriale :  9.00 - 19.00 (chiusura biglietteria 18.30)
Orario festivo :  8.00 - 14.00 (chiusura biglietteria 13.30)
Chiusura settimanale :  Domenica pomeriggio
Prezzo intero :  Euro 2,00
Ridotto :  del 50% dai 18 ai 25 anni
Gratuità : per cittadini italiani ed europei che non hanno compiuto i 18 anni e per quelli che hanno superato i 65 anni; per gruppi e comitive di scuole italiane, statali e non statali, accompagnati dai loro insegnanti e muniti di autorizzazione del Preside o del Direttore Didattico.

Domus dei Tappeti di Pietra

Planetario

Planetario 
Accessibilità :  Centro storico, m. 300 da stazione FFSS ,parcheggio bus in viale Santi Baldini a m. 50, parcheggio auto nello stesso viale a m.150, linea bus n. 4-40.Nelle vicinanze Museo d'Arte della Città, S. Maria in Porto. Il Planetario si trova all'interno dei Giardini Pubblici.
Indirizzo :  Viale Santi Baldini - 48100 Ravenna
Telefono :  0544 62534
Sito web:  www.racine.ra.it/planet
Orario feriale :  Tutti i martedì alle ore 21.00.Su appuntamento per gruppi
Orario festivo : Chiuso
Prezzo intero : Euro 5.00
Ridotto : Euro 2.00per studenti di ogni ordine e grado, persone che hanno superato i 60 anni di età, militari, soci TCI, Cral Comune di Ravenna.

Chiese, pievi, Duomo, basiliche, cattedrali, battisteri

Basilica di Sant'Apollinare in Classe

Basilica di Sant'Apollinare Nuovo

Basilica di San Vitale

Basilica di Sant'Agata Maggiore
Accessibilità :  Zona pedonale, fermata bus a m. 100 tutte le linee, parcheggio pullman a m. 100. parcheggio auto a m. 100, non accessibile agli handicappati
Indirizzo :  Via Mazzini 46 - 48100 Ravenna
Telefono :  0544 31327
Per informazioni :  Abitazione del parroco - Ravenna- tel. 0544 31327
Orario feriale :  9.00-12.00
Orario festivo :  9.00-12.00
Prezzo intero :  Ingresso gratuito 

Basilica di San Francesco
Accessibilità :  Zona centrale, zona semi pedonale, fermata bus a 20 m. per tutte le linee bus, parcheggio auto a m. 100, parcheggio bus a m. 20.Nelle vicinanze Giardini della Provincia, Tomba di Dante e Museo Dantesco. Accessibile agli handicappati solo in parte
Indirizzo :  Piazza San Francesco - 48100 Ravenna
Telefono :  0544 33256
Per informazioni :  Parrocchia   tel. 0544 33256
Orario feriale :  7.00-12.00 14.45-19.00
Orario festivo :  7.00-12.00 14.45-19.00
Prezzo intero :  Ingresso gratuito

Tredici rintocchi per Dante
Ogni sera, all'Avemaria tredici rintocchi si levano dalla cosiddetta campana di Dante, posta dietro la tomba del poeta il 14 settembre 1921 come dono dei Comuni d'Italia alla città di Ravenna. La campana, che ha gli stemmi di Ravenna, di Firenze e di Roma, fu realizzata in quest'ultima città e suona per ricordare ai ravennati ed ai visitatori:" l'ora che volge il desio / ai naviganti e intenerisce il core"

Basilica di San Giovanni Battista
Indirizzo :  Via G. Rossi 45 - 48100 Ravenna
Telefono :  0544 35512
Per informazioni :  Parrocchia tel. 0544 35512
Accessibilità :  Zona centro, fermata bus a m. 50 delle linee bus n. 2-3-8, parcheggio auto a m. 100, accessibile agli handicappati solo in parte
Orario feriale :  8.00-12.00/15.00-19.00
Orario festivo :  8.00-12.00/15.00-19.00
Prezzo intero:  Ingresso gratuito 

Basilica di San Giovanni Evangelista
Accessibilità :  Zona centrale, a 500 m. dalla stazione, a 100 m. da fermata bus comune a tutte le linee, a 100 m. parcheggio pubblico, accessibilità agli handicappati solo in parte.
Indirizzo :  Via Carducci - 48100 Ravenna
Telefono :  0544 212640
Per informazioni :  Parrocchia tel. 0544 212640
Orario feriale :  7.30-12.00 15.30-18.30
Orario festivo :  7.30-12.00 15.30-18.30
Prezzo intero :  Ingresso gratuito

Basilica di Santa Maria in Porto
Accessibilità :  Centro storico, parcheggio bus m. 150 via Santi Baldini, parcheggio auto via di Roma m. 50. Bus 4-40.Accessibile ai disabili solo in parte.Nelle vicinanze Basilica di S. Apollinare Nuovo, Planetario, Palazzo di Teodorico e Museo d'arte della Città.
Indirizzo :  Via di Roma - 48100 Ravenna
Telefono :  0544 212055
Per informazioni :  Parrocchia 0544-212055
Orario feriale :  7,30-12.30 15.30-19.00
Orario festivo :  7,30-12.30 15.30-19.00
Prezzo intero :  Ingresso gratuito

Basilica di Santa Maria Maggiore
Indirizzo :  Via Galla Placidia
CAP :  48100
Località :  Ravenna
Accessibilità :  Centro storico, zona pedonale, piazzetta poco oltre l'abside di San Vitale. Bus n.1 e 11 da FFSS fermata Piazza Baracca. Parcheggio bus e auto Piazza Baracca a m.300, parcheggio auto custodito m.150. Nelle vicinanze il complesso di San Vitale (Basilica di San Vitale, Mausoleo di Galla Placidia, Museo Nazionale)
Prezzo intero :  ingresso gratuito 

Basilica dello Spirito Santo
Indirizzo :  Piazzetta degli Ariani
CAP :  48100
Località :  Ravenna
Telefono :  0544 219938
Per informazioni :  Centro prenotazioni : 0544-219938
Accessibilità : Zona centrale, zona pedonale, a 100 m. da parcheggio pubblico, a 100 m. da fermata bus (tutte le linee), accessibile ai portatori di handicap.Nelle vicinanze Battistero degli Ariani.
Aperto solo sabato e domenica :  10.00 13.00 - 15.00 18.00 Ingresso gratuito 

Duomo o Basilica Ursiana
Indirizzo :  Piazza del Duomo
CAP :  48100
Località :  Ravenna
Telefono :  0544 30328
Accessibilità :  Zona centrale, fermata tutte le linee a m.200, parcheggio auto m. 50. Nelle vicinanze Battistero Neoniano, Museo Arcivescovile e Cappella di S. Andrea. Accessibilità handicappati solo in parte.
Orario feriale :  7.30-12.00 14.30-18.00
Prezzo intero :  Ingresso gratuito

Battistero degli Ariani

Battistero Neoniano

Chiesa di Santa Croce
Indirizzo :  Via Galla Placidia
CAP :  48100
Località :  Ravenna
Telefono :  0544 34424
Per informazioni :  Soprintendenza Beni Ambientali e Architettonici
Accessibilità :  Zona pedonale, fermata bus a 200 m. (linea n.1), parcheggio auto a m.100, parcheggio bus a m. 200
Orario feriale :  Non visitabile, visibile solo dall'esterno

Chiesa Monumentale di S. Maria del Suffragio
Indirizzo :  Piazza del Popolo
CAP :  48100
Località :  Ravenna
Accessibilità :  Zona centrale , zona pedonale, fermata comune a tutte le linee bus a 200 m. Parcheggio bus in viale Farini a m.300, parcheggio auto Piazza Mameli a m.300, accessibile ad handicappati.
Orario feriale :  8.00-12.00/14.30-17.00
Orario festivo :  8.00-12.00/14.30-17.00
Prezzo intero :  ingresso gratuito

Divertimenti:
Locali Notturni, Discoteche e Pub, Ristoranti, trattorie tipiche, osterie per tutta ravenna e nelle sue vicinanze. Bowling e Sala Giochi e Biliardi, Cinema.

Sport e Tempo Libero:

BACINO DI CANOTTAGGIO "STANDIANA"
Proprietà: Comune di Ravenna
Ubicazione: via Standiana 481 – Savio - RA
Telefono e fax: 0544.560585 – segr. 0544.62779
Campo di regata: 2400 x 500 prof. 4/8 m.
Capienza: spettatori n.1027 e 1000 posti macchina
Gestione: società Canottieri Ravenna 1873
Attività: canottaggio e altre compatibili

CALCIO - STADIO COMUNALE "BRUNO BENELLI"
Proprietà: Comune di Ravenna
Capienza:11.940 spettatori
Ubicazione: Via Punta Stilo n. 19 - Ravenna
Telefono: 0544.401010
Gestione: Ravenna calcio s.r.l.
tel. 0544.401010 - fax 0544.272987
Attività: calcio

CALCIO – POLISPORTIVO DARSENA
Proprietà: Comune di Ravenna
Ubicazione: via M. Marani 3
Telefono e fax: 0544.63747
Capienza: spettatori n. 1000
Gestione: U.O. Sport e Tempo Libero tel. 0544.482393 - 0544.482238
attività: calcio

CAMPO DI ATLETICA "ENZO MARFOGLIA"
Proprietà: Comune di Ravenna
Ubicazione: via Falconieri 31
Telefono e fax: 0544.403269
Corsie: 6 più tutte le pedane necessarie all’omologazione FIDAL-CONI
Capienza: spettatori n. 650
Gestione: Atletica Lonza Ravenna
attività: tutte le attività di atletica

IPPODROMO
Proprietà: Comune di Ravenna
Ubicazione: via Timavo 22/D
Telefono: 0544.590420
fax 0544-422048
e-mail: ippcandiano@racine.ravenna.it
Capienza: spettatori n. 1000
Gestione: A.S.I.R.
attività: corse ippiche – varie

MOTOCROSS
Proprietà: Comune di Ravenna
Ubicazione: via S. Alberto 257
Telefono: 0544.453893 – segr. 0544.470158
Gestione: Moto Club Ravenna
attività: motocross

POLIGONO DI TIRO
Proprietà: STATO
Ubicazione: via Trieste 180 - RA
Telefono:0544.420053
Postazioni:48 per carabina e pistola
Gestione: sezione di tiro a segno di Ravenna
attività: ad aria compressa – bersaglio mobile – libero - varie

In ognuno dei 211 stabilimenti balneari dei lidi ravennati sventola la bandiera blu, un riconoscimento che ogni anno la Foundation for Environmental Education in Europe (FEEE), con la collaborazione tecnica e finanziaria della Direzione Ambiente della Commissione Europea, assegna ai comuni ed agli approdi turistici che rispondono a specifici requisiti di natura sia turistica che ambientale.
  Che cosa vuol dire essere un Comune Bandiera Blu?Significa rispondere con puntualità a queste condizioni:
- perfetta validità delle acque di balneazione- pubblicità dei risultati delle analisi sulle acque- stabilimenti balneari vigilati da personale di salvamento- massima funzionalità dei depuratori cittadini- sistema fognario impeccabilmente allacciato- estese isole pedonali almeno nel periodo estivo- piste ciclabili- controllo del traffico autoveicolare- corsi ed incontri su temi ambientali, organizzati dall'amministrazione comunale- iniziative architettoniche agevolate per i disabili- arredo urbano curato Ravenna è una città d’arte in riva al mare: 9 località balneari in 35 chilometri di costa offrono una grande varietà di occasioni. I lidi di Ravenna sono situati in armonia fra la spiaggia, le pinete e le valli e propongono al visitatore e al turista un ambiente caratterizzato da ospitalità in alberghi, campeggi, case e appartamenti, in ampie spiagge di sabbia fine, in pinete che furono cantate da Dante e da Byron.Nelle spiagge di Ravenna l’organizzazione dei servizi balneari è efficiente e dinamica, si può scegliere fra una vacanza di solo sole e relax, o di attività sportive e fitness in spiaggia; si può passare dal ristorante romantico in riva al mare alla cucina etnica a quella tradizionale romagnola, dagli intrattenimenti danzanti all’allegria dell’happy hour. Nei lidi di Ravenna si può

Magazine locale:
Diverse le testate locali di Ravenna e Provincia, dai quotidiani in edicola ai giornali gratuiti per i residenti con le inserzioni di vendite e offerte lavoro, alle riviste informative per i giovani e la vita notturna

Da non perdere:
Turismo a Ravenna non è solo arte o mare: per gli amanti della natura nulla può essere più emozionante di una sosta nell’oasi naturale di Punte Alberete e di una visita nelle valli silenziose del Delta del Po, dove crescono esemplari di vegetazione e dove risiedono rare specie faunistiche. La Pineta San Vitale, le piallasse, la Pineta di Classe soo aree di grande prestigio naturale inserite nel Parco del Delta del Po, dove si trovano tutti i riflessi dell’acqua: valli, zone umide, lagune, foci. E’ la terra "su la marina dove ‘l Po discende per aver pace co’ seguaci sui"; è la terra dei grandi boschi di pino che hanno rifornito la flotta romana, è la natura a Ravenna.
Le Dune
Situate immediatamente a sud di Ravenna, tra Lido di Dante e Lido di Classe.
Seguendo un sentiero che attraversa la secolare pineta si giunge al tratto di costa che si estende per circa sette chilometri a destra e a sinistra della foce del torrente Bevano. In quest’area tuttora permane, ad alcune decine di metri dalla battigia, il tipico "cordone dunoso" caratteristico delle coste sabbiose dei litoranei di pianura. Le dune in successione che lo compongono, alte fino a due metri, sono formate dal costante modellamento del vento e del moto ondoso.
L’ambiente è reso particolarmente interessante dalla vegetazione: Ruchetta di mare, Gramigna delle spiagge, Sparto pungente. Flora e fauna "pioniere" caratteristiche, rendono le dune un ambiente senza soluzioni di continuità con la pineta costiera a nord della foce del Bevano, e a sud con i resti di antiche lagune. Informazioni per escursioni guidate Cooperativa Atlantide, Cervia 0544/965800/9658001

· 
La Pineta di Classe
Vasto, antico e delizioso bosco di pini che si estende lungo il mare per circa tremila ettari, al sud di Ravenna. La stazione adriatica di Classe, dove i romani costruivano e riparavano le navi della flotta, lascia supporre che anche ai loro tempi la pineta sorgesse folta e grande.
La vegetazione mediterranea avviluppa i pini secolari e spuntano l’Erica, il Cisto, la Rapunzia, la Rabbia Selvatica, il Lentisco, la Smilace, e la Fillirea. Gli arbusti rispondono con l’Apocino e l’Olivello. E ancora l’Asparago, il Ligustro, il Prugnolo, il Sorbo Domestico ed il Nespolo appartengono all’oasi dove le "gomme grasse" non sconvolgono la tranquillità. Nascoste, le Orchidee lustrano il sottobosco.
Comunità ornitica delle Pinete, Passeriformi canori ed altre presenze: Usignolo, Pettirosso, Scricciolo, Capinera, Sterpazzola, Sterpazzolina, Merlo, Tordela, Luì piccolo, Canapino, Codibugnolo, Cinciarella, Cinciallegra, Picchio muratore, Fringuello, Verzellino, Verdone, Cardellino, Sigolo nero, Strillozzo, Gazza, Cornacchia, Rigogolo, Averla piccola, Upupa, Tortora selvatica, Picchio verde, Picchio rosso maggiore, Allocco, Assiolo, Civetta, Gufo comune, Lodolaio, Fagiano; altri anfibi e rettili.
Flora delle Pinete: presenze di specie steno-mediterranee rare, come Apocino veneto, Lantana, Scotano e Rosa di San Giovanni.
Le Pinete di Ravenna sono ambienti dalla lunga storia, che è possibile conoscere insieme agli interventi e ai problemi legati alla conservazione e all’attuale gestione di queste aree (metodi di sfruttamento del Pino domestico per la produzione di pinoli presso le Case Pinetali, problemi posti alla conservazione del patrimonio avicolo dell’attività venatoria, ecc.).Informazioni per escursioni guidate: Associazione L’Arca, Ravenna. 0544/465019
· 
La Pineta di San Vitale
L'ambiente è quello classico delle pinete "storiche", con aspetti maestosi di pineta-parco fino alla Ca' Nova, poi più igrofilo, con vista su ampie depressioni inondate fino alla Piallassa.
Specie arboree, arbustive ed erbacee di vegetazione tipica (Madreselva, Vitalba Paonazza).
Notevole il panorama presso la Piallassa, alla foce di via Cerba. Poi, al ritorno aspetti vegetazionali più termofili, con ricchezza di arbusti di ogni tipo e dimensione (fioriture in primavere e fruttificazioni in autunno).
Fauna palustre in Piallassa e nelle bassure inondate (Cinciarella, Upupa, Picchio).
La Ca Nova è un elegante edificio settecentesco adibito a casa di guardia (un tempo "casa delle aie"), tipico delle pinete ravennati.
I toponimi locali rimandano alla storia degli ultimi secoli e all'evoluzione dei corsi d'acqua ed alle aree pinetate. Ca' Nova è fornita di un ampio piazzale (accessibile in auto quando la pineta è aperta), con panchine e fontana.
Dispone di telefono e, su prenotazione, di una sala interna con ampissimo focolare per riunioni conviviali. Ospita, inoltre, il CRA, Centro Recupero Avifauna, che opera in collaborazione con il Comune di Ravenna.
La visita al Parco è consigliabile in primavera ed estate, meglio a caccia chiusa. Non abbandonare il sentiero, soprattutto in maggio a causa di nidificazioni. Sentiero d’ombra: Questo stradello segue a pochi metri di distanza il letto del Fossatone e presenta quindi aspetti marcametenti igrofili. Soprattutto il lato sinitro, adiacente l'antico scolo, vive in una perenne oscurità per la densa copertura arnorea ed arbustiva: il suolo è ricopero da un tappeto di edera e nei pochi spazi liberi dalla vegetazione, si aprono pozze d'acqua nera e immobile ed in tutta l'aria ristagna il tipoco odore di bosco umido. Solo nei mesi più caldi il sentireo d'ombra, ci ricorda la pineta, quando la luce più intensa consente di distinguere i vari arbusti sparsi tra i tronchi di pini e dei pioppi bianchi.              Informazioni per escursioni guidate:
Associazione L'Arca, Ravenna. 0544/465019
Cooperativa Animamundi, Forlì 0547/612520
· 
L'Oasi di Punte Alberete
Foresta allagata di grande suggestione paesaggistica per l’alternarsi di ambienti di bosco igrofilo più o meno inondato praterie sommerse, "chiari" aperti, flora e fauna tipiche di ambienti palustri di varia profondità idrica. Flora protetta e nidificazioni molto rare ed importanti in "garzaia" e nei canneti.
Residuo dell’antica cassa di colmata del fiume Lamone, il biotopo rappresenta un esempio di evoluzione naturale "guidata" (per rallentare l’interrimento, che produrrebbe la perdita delle peculiarità floro-faunistiche, ormai ovunque rare per la riduzione o scomparsa degli habitat). Interessante sequenza di zone alte (paleodune) e basse, relative alla formazione del territorio padano e alla sua recente evoluzione.
Stand informativo aperto da marzo a maggio, presso il parcheggio Fossatone. Osservatorio schermato presso il chiaro Sciafèla (Carraia Scargnarda). Sentiero "rialzato" con passerelle, e segnaletica della flora tipica.
Percorso tassativamente pedonale, ombreggiato su entrambi i lati nei sentirei sud e Romea, all’aperto nella Scargnarda. Disponibile documentazione dettagliata: libri, opuscoli, cartine e foto. Informazioni per escursioni guidate:Associazione L’Arca, Ravenna. 0544/465019
Le scolaresche ed i gruppi organizzati interessati a visite guidate all'interno delle pinete di Ravenna dovranno rivolgersi a:
Cooperativa ATLANTIDE: Tel. 0544.974380 - 0544.970449
Fondazione CERVIA AMBIENTE: Tel. 0544.71921

Il Prato Barenicolo
Situato dietro la località balneare di Marina Romea, Il Prato Barenicolo, dedicato a Pietro Zangheri, insigne naturalista romagnolo, è una prateria inondata dalle acque salse della Piallassa in alta marea, ed ospita una flora (Salicornieti, Limonieto, ecc.) ed una fauna (Avocette, Cavalieri d’Italia, Limicoli, Laridi) tipiche delle basse acque salmastre. Le dune a sud della foce Lamone costituiscono un ambiente ancora naturale e interessante, negli spazi tra gli stabilimenti balneari, con la peculiare vegetazione psammofila.
L’attuale foce del Lamone risale agli anni ’60, mentre nei secoli passati ha divagato molto, sia naturalmente sia naturalmente sia per mano dell’uomo. Anche la Pineta di Stato è recente, essendo stata impiantata tra il 1910 ed il 1935 circa. Informazioni per escursioni guidate:
Associazione L’Arca, Ravenna. 0544/465019
Cooperativa Animamundi, Forlì 0547/612520

· 
La Foce del Bevano
Si trova a sud di Ravenna, oltre la foce dei Fiumi Uniti, alla confluenza del Fosso Ghiaia e del torrente Bevano.
La foce libera e sinuosa del Bevano è l’unica foce intatta dell’Adriatico settentrionale, con meandri fociali e barra di foce di bassi fondali e un paesaggio pressoché unico di dune vive, in via di formazione e rimodellamento continuo. Le dune a nord sono integre per alcuni chilometri, la pineta, anche se di impianto artificiale come tutte le pinte costiere romagnole, presenta aspetti vegetazionali interessanti, caratterizzati da una spiccata termofilia (cespugli a sclerofille).
Nell’area dell’Ortazzino, retrostante la foce del Bevano attuale, si possono ammirare le anse dei secoli passati, nel loro andamento sinuoso con la foce sempre rivolta a nord. L’area dell’Ortazzino è stata sottratta ad una utilizzo urbanistico e portuale a metà degli anni ’70 con una clamorosa battaglia legale.      Informazioni per escursioni guidate:
Associazione L’Arca, Ravenna. 0544/465019
Cooperativa Animamundi, Forlì 0547/612520

La Valle Furlana
Situata a Sant’Alberto, nei pressi dell’argine del fiume Reno.
Laridi e Sternidi nidificanti in grandi colonie: Gabbiano reale mediterraneo, Gabbiano comune, Gabbiano roseo, Gabbiano corallino, Sterna comune, Sterna di Ruppel, Beccapesci, Fraticello, Sterna zampenere. Altre nidificazioni d’eccezione: Spatola, Airone cinerino, Airone bianco maggiore, Mestolone, Canapiglia, Moriglione, Falco di palude, Volpoca, Pettegola, Pittima reale, Cavaliere d’Italia, Avocetta.
Altre presenze estive di uccelli nelle Valli di Comacchio: Svasso maggiore, Tuffetto, Cormorano, Germano reale, Folaga, Piro-piro piccolo, Fratino, Beccamoschino, Forapaglie, Cannaiola, Cannareccione, Salcaiola, Migliarino di palude.
I pesci delle Valli: Anguilla, Spigola, Orata, Cefalo, Ghiozzo, Pesce Ago, Bavosa, Passera, Nono, Gambusia.
I mammiferi: Coniglio selvatico, Nutria, Arvicola terrestre. Eventuale presenza della Lontra. Osservazioni sulla flora e vegetazione alofila delle rive e delle barene.
Evoluzione naturale ed influenze antropiche sul paesaggio e sull’ecologia dell’ambiente vallivo. Gestione e risorse delle Valli: casoni, lavorieri, itticolutura e pesca. Origine dell’attuale tracciato del fiume Reno.
Informazioni per escursioni guidate: LIPU (Lega Italiana Protezione Uccelli), Ravenna 0544/35633

La Piattaforma Paguro La piattaforma Paguro si trova nei fondali marini di fronte a Porto Corsini.
Ravenna, 29 settembre 1965: un incidente durante i lavori per la perforazione di un nuovo pozzo metanifero fece esplodere ed inabissare la piattaforma off shore dell’Agip "Paguro". La struttura si adagiò su un fondale di 25 metri, a circa 14,5 miglia per 120 gradi dal porto di Marina di Ravenna. Nella sciagura persero la vita tre persone.
Ben presto il relitto, da ricordo sommerso di una tragedia, si è trasformato in una meta per i subacquei sportivi, per la ricchezza eccezionale di vita che aveva trovato in quel reef artificiale il modo di svilupparsi.
Pur essendo molto al largo, la trasparenza delle acque è molto variabile: la visibilità può passare da poche decine di centimetri fino a un massimo di 15/18 metri. E’ sempre presente una corrente Nord-Sud, che risente notevolmente delle escursioni di marea. Con la buona stagione la temperatura superficiale è in media di 22 gradi, mentre oltre i 18 metri oscilla sui 16 (attenzione però ai "tagli": più di una volta si sono registrate temperature fra i 10 ed i 12 gradi). Insomma, un’immersione abbastanza faticosa, o quantomeno impegnativa, anche se sempre affascinante.
Gli invertebrati mobili più presenti sono Echinodermi, Olotulidi ed Asteroidi; abbondantissimi gli Ofiuridi. Fra i crostacei si segnala l’astice (Homarus Gammarus), la cicala di mare (Scyllarus Arctus) e alcune varietà di granchi. I pesci sono quelli tipici dei fondali rocciosi, difficilmente riscontrabili in altre parti dell’Adriatico nord-occidentale: Corvine (Sciaena Umbra), Occhiate (Oblada Melanura), Mormore (Lithognathus Mormyrus), Scorfani neri (Scorpaena Porcus), Spigole (Dicentrarchus Labrax) e Gronghi (Conger Conger).
Sul fondale fangoso attorno al relitto vive una rigogliosa fauna: numerose esemplari di Pinna Pectinata, molti Celenterati, Asteroidi ed Ofiuridi, Attinie, Cerianti.
Per regolamentare le immersioni sul relitto e salvaguardare la zona di tutela biologica, istituita nel 1995, è nata a Ravenna l’Associazione Paguro.
e-mail Associazione Paguro: paguro@racine.ra.it
sito web: www.associazionepaguro.org

Informazioni per escursioni guidate: 0544/531140.

Il Bardello
La Bassa del Bardello costituisce la parte iniziale di una depressione allungata nota come "Bassa del Pirotolo" di origine storica, situata a nord della Pineta di San Vitale e terminante nella Buca del Cavedone.
La Torre osservatorio di Valle Mandriole è l'unico punto elevato, ed è frequentata dai naturofili e semplici curiosi dell'ambiente ravennate. Possibilità di parcheggio anche presso lo Scolo Rivalone, prima di raggiungere Ca' Chiavichino.
Alcune delle emergenze naturalistiche del Bardello sono: la prateria allagata dolce con scorci panoramici interessanti, flora e fauna rare e protette.
Vista su Valle Mandriole da Ca' Chiavichino e, lungo tutta la Romea, presenza di fauna anche rara: Tartarughe d'acqua, Svassi ardeidi, Airone Cenerino ecc.
Flora interessante, come ad esempio la presenza del Ranucolo d'acqua.
Dalla Torre osservatorio, panorama notevole e avvistamenti di ogni genere; vista sulle "garzaie" di Valle Mandriole e, in lontananza, di Punte Alberete.
Informazioni per escursioni guidate:
Associazione L'Arca, Ravenna. 0544/465019
Cooperativa Animamundi, Forlì 0547/612520

Dintorni:
Mirabilandia
Basilica di Sant'Apollinare in Classe
Localita' Marittime

Immagine:



Compagnia dell'Adriatico











RavennaBlu® è marchio registrato proprietà di InteRa srlwww.intera.it [apre una nuova finestra]