salta al contenuto
salta al menu delle attività turistiche
Logo RavennaBlu
RavennaBlu il portale del turismo e del tempo libero per Ravenna e Provincia, Hotel Romagna, Hotel Ravenna, Hotel Cervia, Hotel Milano Marittima

Un itinerario dettagliato e ricco di informazioni che è possibile fare anche solo in parte per poter ammirare alcuni dei luoghi più belli e significativi della Ravenna Bizantina.

I luoghi da visitare:

  • Mausoleo di Galla Placidia
  • Basilica di San Vitale
  • Battistero Neoniano
  • Battistero degli Ariani
  • Basilica Sant'Apollinare Nuovo


Tempo stimato: 5 ore

Accessibilità:
Itinerario a piedi nelle varie zone del centro storico
Itinerario bicicletta con la propria o noleggiando gratuitamente le biciclette "gialle" del comune

Itinerari implementabili:

  • Itinerario Shopping


Ravenna Bizantina

Ravenna Bizantina e i suoi mosaici












COSA FARE E COSA VEDERE
Schede dettagliate dei monumenti

Mausoleo di Galla Placidia
Galla Placidia (386-452), sorella di Onorio, l'imperatore romano che trasferì nel 402 la capitale dell' impero d'occidente da Milano a Ravenna, fece costruire intorno al 425-450 questo piccolo Mausoleo, un edificio a forma di croce latina oggi famoso per lo splendore dei mosaici. L'esterno dell'edificio è molto semplice, in contrasto con la ricchezza della decorazione musiva dell'interno, la più antica di Ravenna. I mosaici rivestono le pareti delle colte, delle lunette e della cupola. I temi iconografici sviluppati nelle decorazioni rappresentano il tema della vittoria della vita sulla morte, in accordo con la destinazione funeraria dell'edificio.
L'incanto del cielo stellato di Galla Placidia
L'atmosfera del mausoleo di Galla Placidia è sicuramente magica: entrando nel piccolo edificio a croce latina si rimane colpiti dall'improvviso passaggio dalla luce del giorno alla riproduzione dell'atmosfera notturna. Le innumerevoli stelle della cupola hanno colpito la fantasia e la sensibilità dei visitatori di Ravenna. Si narra che Cole Porter, in viaggio di nozze nella nostra città alla fine degli anni '20 rimase talmente colpito dall'atmosfera del piccolo mausoleo, che compose la sua famosissima Night and Day pensando al cielo stellato di Galla Placidia.

Indirizzo:  Via Fiandrini - 48100 Ravenna 
Telefono:  0544 215193 
Accessibilità:  Centro storico, zona a traffico limitato. Bus n. 10-11 fermata Piazza Baracca. Parcheggio Piazza Baracca per auto a pagamento a m. 200 e Largo Giustiniano parcheggio custodito annesso all'entrata del Mausoleo.Vicinanza con Basilica di San Vitale e Museo Nazionale. Accessibile a portatori di handicap. 
Orario feriale - festivo:  9.00 - 19.00 
chiusura biglietteria:  18.45 
ATTENZIONE :  dal 1 marzo al 15 giugno Supplemento per la Gestione del flusso dei visitatori ad integrazione dei biglietti da Euro 6.50 e Euro 5.50 di Euro 2.Per i gruppi la prenotazione è obbligatoria.L'ingresso gratuito è riservato a bambini inferiori di 6 anni, portatori di handicap e loro accompagnatori, sacerdoti, religiosi/e, giornalisti, militari. Per gruppi e scolaresche la gratuità è riservata ad 1 capogruppo/insegnante ogni 20 paganti. 


Basilica di San Vitale
Tempio a forma ottagonale fondato da Giuliano Argentario su ordine del vescovo Ecclesio che fu consacrato nel 548 dall'arcivescovo Massimiano. La basilica di S.Vitale è fra i monumenti piu' importanti dell'arte paleocristiana in italia soprattutto per la bellezza dei suoi mosaici.
L'influenza orientale, sempre presente nell'architettura ravennate, assume qui un ruolo dominante. Non più la basilica a tre navate, ma un nucleo centrale a pianta ottagonale, sormontato da una cupola e tutto poggiato su otto pilastri e archi. La cupola e i nicchioni furono affrescati nel 1780 dai Bolognesi Barozzi e Gandolfi e dal Veneto Guarana. E' da notare che la basilica viene tenuta asciutta con l'ausilio di pompe visto che il piano di calpestio si trova al di sotto del livello della falda freatica.
Il labirinto dell'anima
Quando si entra nella basilica di San Vitale lo sguardo viene catturato dagli alti spazi, dalle stupende decorazioni musive dell'abside, dagli ampi volumi e dagli affreschi barocchi della cupola. Forse per questa tensione verso l'alto non si nota un piccolo e meno noto gioiello. Nel pavimento del presbiterio, proprio di fronte all'altare, su un lato del pavimento ottagonale è rappresentato un labirinto. Le piccole frecce partono dal centro del labirinto e attraverso un precorso tortuoso portano verso il centro della Basilica. Nei primi anni della cristianità il labirinto spesso era il simbolo del peccato e del percorso verso la purificazione. Trovare la via d'uscita dal labirinto è un atto di rinascita.
Una volta completato il percorso del labirinto del pavimento di San Vitale, si possono alzare gli occhi verso l'altare e contemplare i mosaici più belli della cristianità.

Indirizzo:  via Fiandrini - 48100 Ravenna 
Telefono:  0544 215193 
Accessibilità:  Centro storico, zona a traffico limitato. Bus n. 10-11 fermata Piazza Baracca. Parcheggio Piazza Baracca per auto a pagamento a m. 200 e Largo Giustiniano parcheggio custodito annesso all'entrata del Mausoleo.Vicinanza con Basilica di San Vitale e Museo Nazionale. Accessibile a portatori di handicap. 
Orario feriale - festivo:  9.00 - 19.00 
chiusura biglietteria:  18.45 
ATTENZIONE :  *Per il Mausoleo di Galla Placidia dal 1 marzo al 15 giugno Supplemento per la Gestione del flusso dei visitatori ad integrazione dei biglietti da Euro 6.50 e Euro 5.50 di Euro 2.Per i gruppi la prenotazione è obbligatoria.L'ingresso gratuito è riservato a bambini inferiori di 6 anni, portatori di handicap e loro accompagnatori, sacerdoti, religiosi/e, giornalisti, militari. Per gruppi e scolaresche la gratuità è riservata ad 1 capogruppo/insegnante ogni 20 paganti.


Battistero Neoniano
Il più antico dei monumenti ravennati, almeno come inizio di costruzione, risale alla fine del IV secolo o inizio del V secolo. E' una semplice costruzione in laterizi di forma ottagonale con quattro grandi nicchie che si diramano all'esterno, con le porte interrate ( il livello originario è a circa 3 m. al di sotto dell' attuale piano campagna ). Il Battistero fu decorato splendidamente con i mosaici dal vescovo Neone verso il 450 d.C.; è di forma ottagonale e all'interno conserva oltre alla meravigliosa decorazione di mosaico di influenza ellenico - romana, degli stucchi e parti marmoree. Al centro una vasca ottagonale di marmo greco e porfido rifatta nel 1500, conserva qualche frammento originale.
Inconscio e Coscienza
Carl Gustav Jung in un suo viaggio a Ravenna negli anni 30 vide nel Battistero Neoniano un mosaico che rappresentava Cristo che tende la mano a Pietro che sta per affogare. Discusse a lungo di questa immagine con la sua compagna di viaggio, riflettendo insieme a lei sul significato dell'immagine, un'espressione dell'idea archetipa della morte e della rinascita. Solo di ritorno a Zurigo, quando cercò di acquistare una foto di quel mosaico, si rese conto che quell'immagine non esisteva.
Jung ha scritto alcune bellissime pagine, in Ricordi, Sogni e Riflessioni, raccontando della strana esperienza di Ravenna come un momento di incontro fra inconscio e coscienza, quando gli occhi fisici percepiscono una visione che non appartiene al reale, ma è comunque reale nell'esperienza: la magia dei mosaici di Ravenna ha colpito anche il padre della psicanalisi.

Indirizzo:  Piazza Duomo - 48100 Ravenna
Telefono:  0544 215201 
Accessibilità:  Zona centrale, fermata tutte le linee a m.200, parcheggio auto m. 50, accessibile ai portatori di handicap. Nelle vicinanze Duomo, Museo Arcivescovile e Cappella di S. Andrea.
Orario feriale - festivo:  9.00 - 19.00 
chiusura biglietteria:  18.45 
ATTENZIONE :  *Per il Mausoleo di Galla Placidia dal 1 marzo al 15 giugno Supplemento per la Gestione del flusso dei visitatori ad integrazione dei biglietti da Euro 6.50 e Euro 5.50 di Euro 2.Per i gruppi la prenotazione è obbligatoria.L'ingresso gratuito è riservato a bambini inferiori di 6 anni, portatori di handicap e loro accompagnatori, sacerdoti, religiosi/e, giornalisti, militari. Per gruppi e scolaresche la gratuità è riservata ad 1 capogruppo/insegnante ogni 20 paganti.


Battistero degli Ariani
Nella piazzetta dell'attuale chiesa dello Spirito Santo, un tempo cattedrale degli Ariani, verso la fine del V secolo, quando ormai Teodorico aveva consolidato il suo dominio e l'arianesimo era religione ufficiale della corte, venne costruito il Battistero. L'arianesimo è un'eresia che prende il nome dal suo propugnatore, Ario. L'edificio, interrrato per circa 2.25 m. è a forma ottagonale con quattro piccole absidi all'esterno. Nulla rimane delle altre decorazioni che sicuramente ricoprivano le pareti. Nella cupola conserva un bel mosaico che rappresenta il battesimo di Cristo e i 12 apostoli.
Cristo Ariano
Secondo la dottrina ariana Cristo era figlio di Dio ma aveva conservato la sua natura umana: era solo attraverso il rito del battesimo che la natura divina di Cristo si rivelava. I mosaici di questo battistero celebrano la teologia del battesimo ma il giovane Cristo non viene rappresentato come proveniente da oriente, come invece appare nel battistero cattolico: il Cristo cattolico del Battistero Neoniano viene da oriente ("luce da luce, dio vero da dio vero"), il Cristo ariano di questo Battistero si dirige verso oriente, diventando divino solo nel momento del battesimo. Ed è così umano il Cristo raffigurato nella cupola del Battistero degli Ariani, un uomo giovane e nudo, immerso nell'acqua fino ai fianchi ma con l'inguine scoperto. La nudità di Cristo è un'affermazione della dottrina ariana e quindi della natura umana di Cristo: l'eresia ariana non è sopravvissuta ma resta in questo Battistero l'immagine del Cristo nudo.

Indirizzo:  Piazzetta degli Ariani - 48100 Ravenna
Telefono:  0544 35404 
Accessibilità:  Zona centrale, zona pedonale, a 100 m. da parcheggio pubblico, a 100 m. da fermata bus (tutte le linee), accessibile ai portatori di handicap.Nelle vicinanze Basilica dello Spirito Santo.
Orario feriale - festivo:  8.30 - 19.30
chiusura biglietteria:  18.45 
Per informazioni:  Soprintendenza dei Beni Ambientali e Architettonici, V. San Vitale, 17 - tel 0544 451539


Sant'Apollinare Nuovo
Fu fondata nel VI secolo e in origine fu la Chiesa palatina di Teodorico. La facciata forse in origine era racchiusa da un quadriportico, ma attualmente è preceduta da un semplice e armonioso portico di marmo del secolo XVI. Sul lato destro il bel campanile cilindrico, caratteristico delle costruzioni Ravennati, è opera del IX o X secolo. Dell'antica costruzione sopravvivono i meravigliosi mosaici con la più vasta superficie musiva che sia giunta a noi dall'antichità. Le teorie delle Vergini e dei Martiri rappresentano uno dei più tipici esempi dello stile bizantino.

Indirizzo:  Via di Roma - 48100 Ravenna
Telefono:  0544 219518 
Accessibilità:  Zona pedonale, fermata tutte le linee urbane a 200 m, parcheggio pullman a m. 200. parcheggio auto a m. 100, a 700 m. dalla stazione ferroviaria. Accessibile ai portatori di handicap.Nelle vicinanze Palazzo di Teodorico, complesso del Museo d'Arte della Città e Santa Maria in Porto
Orario feriale - festivo:  9.00 - 19.00
chiusura biglietteria:  18.45 
Prezzo intero:  Ingresso gratuito


Modalità di prenotazione:

Numero verde : 800303999
Call Center: 0544 541688
dal Lunedì al Venerdì: 9.00-12.30 / 15.30-18.00 
Via Fax : 0544 541680
Prezzo intero (solo cumulativo): Euro 6.50 (S.Apollinare Nuovo, Battistero Neoniano, Cappella di S.Andrea, San Vitale, Mausoleo di Galla Placidia)
Prezzo ridotto (solo cumulativo):  Euro 5.50 (S.Apollinare Nuovo, Battistero Neoniano, Cappella di S.Andrea,San Vitale, Mausoleo di Galla Placidia) per associazioni, enti convenzionati, studenti italiani e stranieri
Gratuità : ragazzi fino a 10 anni (scuole elementari comprese), insegnanti di scuola elementare; residenti nel Comune di Ravenna; capigruppo o autisti (una gratuità ogni 20 persone paganti); portatori di handicap e loro accompagnatori; sacerdoti; religiosi/e, militari e giornalisti con documento comprovante la qualifica.


Guarda la mappa dell'itinerario:



Compagnia dell'Adriatico











RavennaBlu® è marchio registrato proprietà di InteRa srlwww.intera.it [apre una nuova finestra]