salta al contenuto
salta al menu delle attività turistiche
Logo RavennaBlu
RavennaBlu il portale del turismo e del tempo libero per Ravenna e Provincia, Hotel Romagna, Hotel Ravenna, Hotel Cervia, Hotel Milano Marittima

Proloco – IAT:
Viale Dei Mille, 65
Tel. 0544 974400
Fax 0544 977194
iatcervia@comunecervia.it
orari :
maggio-giugno-luglio–agosto 8,00- 20,00
settembre 9,30-13,00/15,30-18,00

Cervia

Nome Località: Cervia






Storia:
Una delle stazioni balneari italiane attualmente più conosciute e frequentate.
Tutti gli anni ospitano oltre tre milioni di turisti che godono dello splendido clima, del mare, del verde lussureggiante della pineta. L’antico paese del sale ed il vecchio borgo dei pescatori si sono trasformati dai primi anni del Novecento in una città attiva ed ospitale, una città in cui ricevere l’ospite è sinonimo di amicizia.
Proprio per questo ogni turista non è considerato semplicemente tale, ma è un amico sincero di Cervia e come tale è accolto.
Chi sceglie questa località sa di potere fare affidamento sui nove chilometri di spiaggia con sabbia fine e dorata, sui quasi 400 alberghi ed i 4.000 appartamenti disseminati tra Cervia e Milano Marittima e tra Pinarella e Tagliata. Ma Cervia è anche la città del verde grazie alla secolare pineta che in epoche passate aveva ispirato Byron e Dante e che è da considerare un vero e proprio polmone verde oltre che un immenso giardino ideale per ospitare grandi e piccini. Ai margini della pineta è nata la "città giardino" di Milano Marittima, oggi meta turistica tra le più apprezzate del nostro paese.
Cervia ti offre inoltre tanti paesaggi diversi e tante opportunità di svago anche per quelle giornate che non vorrai trascorrere al mare. Potrai trascorrere una piacevole giornata visitando le antiche saline che, nella loro estensione di 827 ettari, oltre a rappresentare il patrimonio storico artistico della città sono anche una riserva naturale dove nidificano varie specie di uccelli: dall’avocetta ai cavalieri d’Italia, dalle garzette ai germani. La salina inoltre è stata riconosciuta Stazione Sud del Parco del Delta del Po e dal 1998 è stato inaugurato il Centro Visite Salina di Cervia per permettere a tutti una maggiore conoscenza dell’ambiente faunistico della zona.
Se invece sei un amante della vacanza attiva, proprio qui avrai l’opportunità di misurarti con vari tipi di attività sportive. Potrai scegliere di frequentare le tante piste ciclabili, i "percorsi vita" inseriti nelle pinete, le attrezzature e le palestre per l’atletica leggera, il basket, il calcio e la pallavolo. Potrai passare il pomeriggio nel campo da golf a 18 buche dotato di un terreno di pratica e di una moderna ed accogliente Club House, oppure al "Beach Stadium" che ha visto nascere nel 1984 la prima esperienza di beach volley, oggi disciplina olimpica. Non abbiamo trascurato il tennis poiché nell’intero territorio sono presenti oltre cento campi in terra rossa ed il Circolo Tennis Cervia, che ogni anno ospita importanti manifestazioni. Se invece preferisci l’equitazione potrai recarti al Centro Ippico "Le Siepi", uno dei più attrezzati della regione oppure al Centro "Sole e Sale" per godere, oltre all’attività di equitazione, di uno splendido tramonto all’interno della salina. Naturalmente Cervia è da considerarsi il paradiso per gli sport acquatici: potrai, infatti, contare sulla presenza di tre circoli nautici che organizzano ogni estate corsi di vela, windsurf e sci nautico oltre ad un club canoa e kayak con attrezzature a disposizione per il noleggio e corsi per tutte le età. Se sei sportivo dunque certamente troverai l’attività che ti piace di più oltre alla possibilità di assistere ad eventi prestigiosi, che riguardano anche le discipline del basket, bowling, tiro con l’arco.
Se invece preferisci il binomio mare e benessere, Cervia dispone di un moderno centro termale che ti accoglierà con le sue acque e fanghi speciali legati all’attività delle saline. I fanghi sono ricchi di sali minerali e sostanze organiche che abbinate ad una moderna piscina coperta consentono cure ideali per artriti, reumatismi, sciatica, nevriti. Particolarmente efficaci sono anche le cure inalatorie, ideali anche per i tuoi bambini grazie al nuovo reparto pediatrico per inalazioni ed aerosol.
Un consiglio? Fatti tentare da una piacevole sosta nei reparti per massoterapia manuale, palestra e relax ed usa con fiducia i cosmetici prodotti direttamente dallo stabilimento.
Trascorri allora con serenità le tue vacanze a Cervia, vieni con la tua famiglia e godi di tutto ciò che ti possiamo offrire: i nostri grandi eventi, le serate in compagnia, la nostra cordiale ospitalità e le nostre tradizioni culinarie.
Ti aspettiamo a Cervia.

Patrono e Ricorrenze: 
GIUGNO
10° Campionato Italiano di tennis Calciatori di serie A
21° FEINDA Festival Internazionale della Danza
Campionati Italiani assoluti Pony Le Siepi
La Pineta in Concerto
LUGLIO
Circuito Eccellenza Le Siepi
Patek Philippe "Anneau d'or" Adriatic Golf Club
3° Meeting Giovanile Nazionale Circolo Nautico
13° Vip Master Tennis
La spiaggia ama il libro - 12^ Edizione
Il Sarchiapone - 13^ Edizione
Arrivano da mare - 29^ Edizione
Cervia A.I.L. Cup Circolo Nautico
Club Med Cup 2004 Adriatic Golf Club
8° Gran Premio Città di Cervia Adriatic Golf Club
AGOSTO
Il Sarchiapone - 13^ Edizione
Afferra una stella dal 1888
6° World Master Sculture di Sabbia
La spiaggia ama il libro - 12^ Edizione
13° Palio della Voga
SETTEMBRE
Sapore di sale - 8^ Edizione
14° Sprint Kite News
2° Raduno Internazionale dei Passatori Circolo Nautico
OTTOBRE
CSI Internazionale Le Siepi
7° Memorial Melandri
DICEMBRE
Luci d'inverno
 
I grandi eventi sportivi
Manifestazioni di rilievo nazionale ed internazionale sono in programma nelle discipline degli sport da spiaggia (Beach Stadium in luglio/agosto), dell’equitazione grazie al moderno Centro Ippico "Le Siepi", del golf con gli eventi dell’Adriatic Golf Club Cervia, della vela, del tennis, del calcio e tante altre discipline sportive.
 
Le iniziative ecologiche
Tantissimi appuntamenti da non perdere:
le iniziative del Centro Visite delle Saline - Stazione Sud del Parco del Delta, gli itinerari didattico-ambientali della fondazione "Cervia Ambiente" (marzo/maggio) e le numerose iniziative in collaborazione con il Corpo Forestale dello Stato (giugno/settembre passeggiate ecologiche in pineta, serate ecologiche e pomeriggi sull’aia).

21/06 - 23/08/2004
Lunedì Archeologici
Piazza Carlo Pisacane,
Accessibilità:
Centro Storico - Zona pedonale - Accessibile con mezzi pubblici: Bus Urbano fermata Circ. Sacchetti
Accessibile alle persone portatrici di handicap.
Parcheggio auto e pullman a m. 200.
Oggetto Lezioni di archeologia tenute dalla Dott.ssa Maria Grazia Maioli della soprintendenza archeologica di Bologna, con proiezioni di diapositive
Periodi di svolgimento dal 21/06 al 23/08/2004 dalle ore 21.00 alle 23.00
Tariffa d'ingresso gratuito
Località Cervia - Centro Storico - Piazza Pisacane - in caso di maltempo presso Ex Pescheria - Piazza Pisacane
Sede organizzativa Gruppo Archeologico Cervese - Paolo Ancarani
Telefono 0544 72064
Fax 0544 72064
e-mail paoloancarani@libero.it

INCONTRI SU STORIA E AMBIENTE DELLE SALINE DI CERVIA
15 Giugno
ore 21.00   Centro Agrituristico "Le Ghiaine"   illustrazione e proiezione diapositive e audiovisivi
29 Giugno
ore 21.30   Cervia - Piazza Pissacane   illustrazione e proiezione diapositive e audiovisivi
13 Luglio
ore 21.30   Cervia - Piazzale delle Terme   illustrazione e proiezione diapositive e audiovisivi
27 Luglio
ore 21.30   Pinarella - Piazza Unità   illustrazione e proiezione diapositive e audiovisivi
3 Agosto
ore 21.30   Tagliata - Piazzale dei Pesci   illustrazione e proiezione diapositive e audiovisivi
24 Agosto
ore 21.30   Milano Marittima - Libreria "Librincontro"   illustrazione e proiezione diapositive e audiovisivi
7 Settembre
ore 20,30   Cervia - Ristorante "Al Deserto"   Serata gastronomica con menu di pesce
Ente Organizzatore
Comune di Cervia
Settore Interventi Economici
Tel. 0544 979345

15 luglio 2004
Raduno Europeo di Mongolfiere
Accessibile con mezzi privati. Parcheggio a m. 50
Accessibile ai portatori di handicap
.::Programma::.
15 luglio

ore 19.00
pista atletica di Cervia
16 e 18 luglio
ore 19.00
Mirabilandia

17 luglio
ore 22.30
Mirabilandia
CONCERTO DI MONGOLFIERE
spettacolo notturno con mongolfiere in volo illuminate ad intermittenza a tempo di musica

(gli orari potranno subire variazioni a causa delle condizioni climatiche)
Rassegna Cervia Festival
Periodi di svolgimento 15 luglio 2004 ore 19.00
Tariffa d'ingresso gratuito
Località Cervia - Pista di atletica - Centro Sportivo Liberazione - Via Pinarella, 66
Sede organizzativa Assessorato al Turismo - Comune di Cervia
Telefono per informazioni 0544/974400; per prenotazioni CHR 0544/72424

Collegamenti - Trasporti:
AUTO
Da Nord:
autostrada A14 Bologna-Ancona,  uscita Ravenna, direzione Lidi Sud - Rimini
uscita Cesena Nord, prendere la superstrada E 45 direzione Ravenna, uscire a Casemurate e proseguire poi in direzione Cervia S.S. 254 (km 16)
uscita Cesena, poi prendere la S.S. 71 bis direzione Cervia (km 12).
Da Nord Est:
S.S. 309 Romea  fino a Ravenna e poi  proseguire con la S.S. 16 Adriatica direzione Lidi Sud.
Dal Centro Sud:
Superstrada E 45 uscita Casemurate e proseguire poi in direzione Cervia.
Da Sud:
autostrada A14 Bari - Bologna uscita Cesena, poi prendere la S.S. 71 bis direzione Cervia (km 12).
TRENO
Cervia dispone di una stazione ferroviaria: Cervia - Milano Marittima, linea Ferrara - Ravenna - Rimini.
I collegamenti frequenti con Ravenna e Rimini,  consentono di raggiungere tutte le principali  città  in Italia e in Europa.  
Stazione ferroviaria nel raggio di 20 km: Cesena, linea  Bologna - Ancona. 
AEREO 
Gli aeroporti più vicini di Bologna (km 90), Forlì (km30) e Rimini (km 30) sono collegati con le più importanti città italiane ed europee mediante servizi di linea e voli charter.

Itinerari:
Parchi e riserve naturali
Le Saline di Cervia
Via Statale Salaria, s.n.
tel. 0544 993435 - 338 9507741 – fax. 0544 993226
apertura annuale, ingresso gratuito.
email:turismo@comunecervia.it
Parco Naturale
Viale Carlo Forlanini, s.n.
Milano Marittima tel. 328 1505914
per visite guidate contattare il servizio verde e pinete Barbara Frigoli 0544 992885 al mattino nei giorni ferialiPeriodi di apertura dal 01.02 al 31.11
Orario feriale Dicembre Gennaio (chiuso) ;1 Feb. - 31 Mar. (festivi dalle 13 al tramonto); 1 Ap. 30 Set. (tutti i giorni dalle 9.00 al tramonto); 1- 31 Ot. ( feriali dalle 9 alle 12.30 e domenica dalle 13.00 al tra) - 1 Nov. 30 Nov. (festivi dalle 13 al tramonto)
Orario festivo Dicembre Gennaio (chiuso) ;1 Feb. - 31 Mar. (festivi dalle 13 al tramonto); 1 Ap. 30 Set. (tutti i giorni dalle 9.00 al tramonto); 1- 31 Ot. ( feriali dalle 9 alle 12.30 e domenica dalle 13.00 al tra) - 1 Nov. 30 Nov. (festivi dalle 13 al tramonto)
Tariffa d'ingresso gratuito

  La casa delle farfalle
  Pineta di Cervia - Milano Marittima.
  Pineta di Pinarella e Tagliata.
  Birdwatching Parco del Delta Stazione Sud.

Itinerari spirituali
La Via dei Romei
Le Vie dei Romei, prendono il nome dai pellegrini diretti a Roma, la Città Eterna, provenienti da ogni luogo della cristianità medievale, soprattutto all'inizio del secondo millennio.
I tracciati seguiti dai Romei venivano chiamati "vie francigene" (cioè che giungono dalla Francia), poichè sotto Carlo Magno l'intera Europa Centrale coincideva con il Regno dei Franchi.
Alcune di queste, utilizzate per chi arrivava dal Brennero o da Venezia attraversavano la Romagna.
I pellegrini viaggiavano di solito a piedi o su animali da soma, non da soli, ma in gruppo e portavano le insegne del pellegrinaggio (la chiave per S.Pietro a Roma).
L'ospitalità lungo il viaggio era garantita da appositi istituti caritativi (gli "ospedali per Pellegrini") che potevano essere autonomi oppure annessi a monasteri, pievi, cattedrali.
Ai primi anni del XII secolo venne costruito in prossimità di Cervia l'ospizio di San Gervaso per volontà di Matilde Traversari. Secondo la tradizione, nel luogo in cui esisteva , di cui si è persa ogni traccia, un tempo era collocata una croce viaria marmorea, oggi conservata nella chiesa parrocchiale di Castiglione.
Le vie di comunicazione utilizzate dai pellegrini erano quelle usuali, comprese le vie d'acqua. Il modo più comodo per viaggiare divenne quello di spostarsi per acque interne su piccole barche, specialmente nel delta padano e nelle vaste paludi.
Itinerario dettaglio
Partenza dal Santuario della Madonna del Pino, proseguire in direzione sud fino all'incrocio con la Statale 254. direzione Forlì, girare a destra seguendo l'indicazione per Castiglione di Cervia. Percorrendo questa strada si può ammirare la zona naturalistica delle saline. Si prosegue fino a Castiglione di Cervia e da qui seguendo le indicazioni si raggiunge Cannuzzo, dove si puo visitare il Santuario della Madonna degli Angeli. Proseguire per Pisignano, dove è possibile visitare la Pieve di Stefano, di antichissima origine e nella quale, in un muro esterno si può notare un frammento di croce con mano benedicente, una "Croce viaria", ricordo del Medio Evo. Tali croci erano di solito poste lungo le strade per indicare ai Romei la vicinanza ad una foresteria. Da qui ritornare a Cervia seguendo le indicazioni stradali.
Notizie aggiuntive
Lungo il percorso dei pellegrini, che attraversavano il territorio cervese, erano previste alcune tappe:
la chiesa di S.Andrea in Domoculta ora non esiste più, sul luogo ora è stata costruita una chiesa moderna e la località è nota come Villa Inferno;
Pieve di S.Stefano in Pisignano, visitabile,
S.Paternianuns in Ficocle, che era situata in mezzo alle saline, oggi non visitabile;
le Saline.
Periodi di svolgimento tutto l'anno
Modalità di svolgimento trekking - automobile - bicicletta - cavallo


Percorso del Comune - km 35
Accessibile a tutti.
Si lascia Cervia prendendo la Statale 16 in direzione di Rimini, al primo semaforo girare a destra per Cesena-Autostrada A 14. Si attraversa tutta la borgata di Montaletto, dopo ca. 500 si gira destra per Pisignano, proseguire, passare davanti alla caserma dell'Aeronautica, per ca. 2 km e si arriva a Pisignano, si continua mantenedo la sinistra fino ad arrivare in fondo. Si gira a destra per Castiglione di Cervia, costeggiando l'argine del fiume Savio, fino ad arrivare all'incrocio con via Salara. Si passa dritti attraversendo tutta la borgata di Castiglione di Cervia, seguendo sempre le indicazioni per Savio di Ravenna. Dopo 4 km si giunge alla Statale, si gira a destra per Cervia, ancora 5 km si arriva a un semaforo. Si gira sinistra e si entra in Cervia.

Itinerario Cervia - Montaletto - Pisignano - Cannuzzo - Castiglione di Cervia - Savio - Cervia
Periodi di svolgimento tutto l'anno
Area Turistica mare e costa adriatica

Escursioni in motonave in alto mare New Ghibli 1.
Partenza ore 9.30 dal Porto di Cervia Milano Marittima - ore 9.40 zattera di Cervia (davanti al bagno 152)
Gita lungo la costa con sosta di 1 ora a Cesenatico e visita all'acquario dove potrete ammirare pesci tropicali di tutti i mari: coccodrilli, tartarughe marine. Nel prezzo è compreso l'ingresso all'acquario.
Ritorno ore 12.00

Itinerario Cervia - Cesenatico - Cervia
Periodi di svolgimento domenica - mercoledì - venerdì
Modalità di svolgimento Escursione in mare
Organizzazione New Ghibli
Telefono 0547 80604 - 360 977706 - 333 3454558
Fax 0547 80604
Tariffe Euro 10,00 adulti - Euro 6,00 bambini
Area Turistica mare e costa adriatica

Divertimenti:
Cotton Extra Club
Shaky Makaky

Sport e Tempo Libero:
Golf Club
Terme

Da non perdere:
MUSA/ Museo del Sale
Via Nazario Sauro – Cervia

Telefono 0544 977592 - 71921
Fax 0544 972897
sito Internet www.cerviaambiente.it
e-mail scuolamb@cerviaambiente.it
Gruppo Culturale Civiltà Salinara
Via Nazario Sauro, 24 – Cervia

Telefono 0544 71270 - 338 9507741
Fax 0544 71270
e-mail turismo@comunecervia.it
Sito internet www.comunecervia.it/turismo


Magazine locale:
La Pro Loco cura pubblicazioni indispensabili per la conoscenza della storia e dell'arte della città

Dintorni:
Mirabilandia
Saline di Cervia

Frazioni:
  Cannuzzo
  Castiglione di Cervia
  Milano Marittima
  Montaletto
  Pinarella
  Pisignano
  Savio di Cervia
  Tagliata
  Villa Inferno

Da non perdere:
Cervia e dintorni
Tutti coloro che sono interessati alla storia e alla cultura di Cervia possono intraprendere un'escursione nei dintorni della città.
Il circondario di Cervia, infatti, offre molti luoghi interessanti dal punto di vista storico culturale, tanto da permettere una bella escursione della durata di una mezza giornata circa.
Escursioni possibili ai soli mezzi privati.
DALLA SALINA CAMILLONE ALL'ANTICA FICOCLE
Dalla Strada Statale 16, in direzione Forlì, si possono ammirare le saline, 827 ettari di bacini salanti, oggi divenuti riserva naturale e Stazione Sud del Parco del Delta del Po. Si incontra immediatamente un primo bacino chiamato Salina Camillone, trasformato in vero e proprio museo all'aria aperta e gestito dal Gruppo Civiltà Salinara che, a scopo dimostrativo, organizza durante l'estate visite guidate gratuite al fine di fornire informazioni e dimostrazioni riguardanti la lavorazione del sale.
Alcuni secoli fa in questa zona sorgeva Cervia Vecchia, una città che dovette essere presto abbandonata a causa dell'aria malsana che un tempo infestava la salina e che venne letteralmente "smontata" al fine di riutilizzare il materiale edilizio recuperato per la costruzione della città nuova. Di Cervia vecchia resta molto poco, fatta eccezione per la chiesa del 1603 chiamata "Madonna della Neve", destinata a custodire le ossa del cimitero dell'epoca. Espropriata nel 1867 divenne caserma estiva della Guardia di Finanza ed in seguito abitazione privata, per cui oggi ne rimane visibile solo la facciata esterna.

PISIGNANO
Procedendo in direzione Forlì, si raggiunge la piccola località di Pisignano in cui si trova la "Pieve Santo Stefano".
La sua origine è molto antica, infatti la troviamo già citata in un documento datato 997; essa è stata poi distrutta nel 1512 ed in seguito ricostruita nel 1521 dalle monache di S. Lucia di Venezia.
Splendido è il suo aspetto esteriore, estremamente semplice ed austero è un vero gioiello dell'arte romanica. Internamente presenta 4 arcate collocate su tre pilastri ed una magnifica abside circolare affrescata con l'immagine della Madonna in trono con Bambino affiancata dai Santi Stefano e Lucia.
La facciata presenta, inoltre, un antico frammento raffigurante una mano benedicente, la stessa che indicava ai pellegrini la via o la presenza di un ospizio nei dintorni. Questa tesi è stata poi avvalorata dal ritrovamento di un'ampollina da pellegrino tipica di tutti coloro che si avventuravano lungo la via dei Romei.

CANNUZZO
Proseguendo lungo la strada di Pisignano si incontra la località di Cannuzzo, nota per la chiesa Settecentesca di Santa Maria degli Angeli, nome che deriva da un affresco cinquecentesco posto al suo interno rappresentante la Madonna in trono con Angeli e dai due Angeli tedofori di scuola berniana che si trovano al suo interno.

CASTIGLIONE DI CERVIA E SAVIO DI CERVIA
Lasciato Cannuzzo si arriva a Castiglione in cui si può ammirare la magnifica villa gentilizia del 1795 appartenuta alla nobile famiglia dei Conti Guazzi. Dotata di due avancorpi laterali: uno utilizzato come scuderia e deposito carrozze e l'altro, progettato dall'architetto ravennare Camillo Morigia in stile neoclassico, divenne invece l'oratorio padronale con funzione di pubblica chiesa.
Non lontano da Castiglione, in località Savio di Cervia, si può inoltre trovare il bosco di farnia intitolato al Duca di Altemps; esteso per circa un chilometro di lunghezza costituisce una zona verde protetta.
A soli 8 chilometri da Castiglione, nella campagna bonificata dai frati Camaldolesi di Classe, sorge Villa Ragazzena. Si tratta di un complesso Cinquecentesco costituito da un antico convento, una villa colonica ed una chiesetta dedicata a S. Giuseppe. Curioso è il suo doppio pozzo che si trova nel cortile.

RIENTRANDO A CERVIA
Proseguendo lungo la Statale 16 e svoltando a sinistra al primo ingresso di Cervia ci si dirige alla Casa delle Aie. Nata come centro per la lavorazione dei prodotti della pineta, venne distrutta da un terribile incendio nel 1789 e poi ricostruita nel 1790 su progetto del Morigia. Il fabbricato è posizionato su due piani: al pian terreno si trovavano la "camera del fuoco", l'ufficio, il dormitorio per gli uomini, il magazzino e la cucina. Al primo piano, invece, il dormitorio delle donne, le stanze per il fattore dell'affittuario e per il fattore del Comune. La facciata è quella tipica della casa rurale del ravennate con un ampio porticato frontale composto da tre archi a tutto sesto sopra ai quali si aprono le finestre del primo piano. Trasformata oggi in ristorante, offre ai suoi ospiti l'opportunità di gustare i piatti tradizionali tipici della Romagna. In zona Bassona si trova un edificio un tempo adibito a stalla: Oggi è sede del Museo della Civiltà agricola e bracciantile atto a conservare e valorizzare la cultura contadina di Cervia tramandandone il ricordo attraverso l'esposizione di attrezzi, mezzi di trasporto, immagini e testimonianze dell'attività agricola.

ZONA TERME
Presso l'ingresso Terme di Cervia , sempre sulla Statale 16, si incontra il Santuario della Madonna del Pino la cui costruzione risale al 1484 voluta dal frate Girolamo Lambertini. La facciata è in stile tardo romanico con un bellissimo portale in marmo d'Istria, mentre l'interno si presenta ad un unico vano a capriate scoperte terminante con una piccola abside. Una cappella è dedicata alla Vergine e nella stessa si può ammirare un dipinto raffigurante una Madonna del latte nella quale si riconosce la Madonna del Pino. Si trovano qui inoltre altri affreschi, di epoca cinquecentesca, dedicati a San Rocco e alla Madonna in trono con Bambino.
Itinerario storico culturale nei dintorni della città di cervia
Periodi di svolgimento tutto l'anno
Modalità di svolgimento con mezzi privati o in bicicletta
Itinerari storici culturali - quattro passi in città
Cervia, si presenta al suo visitatore come un insieme di antico e moderno. A dominarla è l'aspetto quadrangolare tipico delle città di fondazione, costruite su un progetto ben determinato, così come autorizzava il Chirografo di Papa Innocenzo XII del 1997 in cui si prevedeva la sistemazione delle abitazioni dei salinari nella cinta muraria e nella zona centrale le case delle autorità locali.
Nasceva così Cervia Nuova, costruita utilizzando il materiale della vecchia città delle saline, abbandonata a causa dell'aria mal sana della palude.
Passeggiando per le strade del centro storico la città affascina e si mostra in tutto il suo imponenete splendore.
Modalità di accesso e requisiti
Accessibile a piedi e parzialmente accessibile ai portatori di handicap.
Itinerario dettaglio
Il cuore della città è PIAZZA GARIBALDI
Caratterizzata da una pavimentazione di recente fattura con decorazioni in ciottoli di fiume ed un moderno impianto di illuminzione, la piazza è ormai il simbolo tra passato e presente e diventa così il luogo ideale per iniziare questo itinerario storico culturale.
Qui si erge la Cattedrale, simbolo del passato potere della Chiesa. Fu il Vescovo di Cervia Francesco Riccamonti a posarne la prima pietra nel 1699, mentre per il campanile si dovette aspettare il 1750; l'interno invece si presenta estremamente semplice ed austero e racchiude dipinti di inimmaginabile bellezza. Primo tra tutti il quadretto raffigurante "La Madonna della Neve" che rappresenta una suggestiva immagine della Vergine con Bambino; sono commoventi i tratti estremamente femminili della Madonna ed il suo atteggiamento famigliare e dolce nei confronti del figlioletto. Degno di nota è poi l'altare ligneo e la pala che rappresenta la Madonna Assunta alla quale la chiesa è dedicata, databile tra il 1566 ed il 1641. Altrettanto interessante la tavola dedicata a S. Giuseppe con il Bambino fra le braccia in cui non si può che notare l'immagneestremamente "umana" di un padre con il bimbo addormentato tra le braccia.
Immediatamente di fronte alla Cattedrale si trova il PALAZZO COMUNALE, costruito tra il 1702 ed il 1712 e progettato da Francesco Fontana. Rimasto incompleto il Palazzo rivela però un cortile interno trasformato negli anni nella piccola piazza Pisacane, altrimenti nota come "Piazza delle erbe", da sempre luogo di scambio e commercio.
All'interno del Palazzo, aperto al pubblico tutti i giorni feriali dalle 8.30 alle 12.30, si possono visionare alcune vetrine con i reperti storici di Cervia vecchia e dell'antica Ficocle, oltre all'esposizione permanente degli acquerelli di Maceo Casadei.
Incastonata nelle mura del Palazzo, all'interno di Piazza Pisacane, troviamo la curiosa "PIETRA DELLE MISURE" che ci indica tutte le unità di misura utilizzate nella città al momento della sua costruzione, in particolare qui figurano la quadrella, il mattone , l'arco e il passo che serviva per misurare le stoffe.
Dalla Piazza con pochi passi si raggiunge il TEATRO COMUNALE.
Si tratta di un vero e proprio gioiello della città. Piccolo e raccolto accoglie circa 300 posti divisi tra la platea, due ordini di palchi ed il loggione, totalmente rivestito di velluto rosso continua la migliore tradizione dei teatri risorgimentali. Splendidi gli affreschi di Giovanni Canepa ed Andrea Bellani rappresentanti 12 fanciulle che, come vuole la leggenda dovevano raffigurare le donne più belle della Cervia dell'epoca. Dello stesso Canepa è il sipario. Restaurato nel 1997, mostra l'immagine di Apollo attorniato da muse e Ninfe intento a veleggiare verso Cervia dove ad accoglirlo c'è un salinaro seduto sopra la sua burchiella carica di sale.
Dal Teatro si prosegue lungo la CINTA MURARIA di Cervia.
Ed è proprio la cinta muraria che rende l'idea della struttura quadrangolare della città di fondazione nella quale le mura sono formate dalle stesse case dei salinari. Piccole abitazioni tutte uguali, divise in quattro stanze, una per ogni famiglia, ed intervallate da una serie di cortili interni utili per raccogliere l'acqua del pozzo e per ricoverare gli attrezzi da lavoro.
Seguendo il quadrilatero e rientrando in Via Mazzini si incontra la piccola CHIESA DEL SUFFRAGIO, voluta nel 1722 dalla Confraternita del SS. Sacramento. Splendido è il Crocefisso ligneo gotico doloroso del 1330 che rivela la figura di Cristo nel momento del trapasso, Crocefisso che veniva portato in processione a Forlì ogni anno a febbraio in occasione della Madonna del Fuoco.
Sempre al Suffragio si può ammirare il bellissimo organo del 1788 dell'organista veneziano Gaetano Callido, recentemente restaurato e che durante l'estate regala splendidi concerti.
Se poi, si attraversa il ponte in direzione Ravenna si incontra la Chiesa dedicata a S. ANTONIO DA PADOVA. Costruita nel 1741 e voluta dai frati francescani dei Minori Osservanti, aveva annesso un bellisssimo convento trasformato poi, nel tempo, in case popolari. All'interno belle le tavole rappresentanti la Madonna Bambina e Sant'Anna, le due pale Secentesche e la scultura lignea dedicata a Sant'Antonio del XVII Secolo, inoltre si trovano degli ex-voto (fine '800 e primi '900) costituiti da tavolette di legno dipinte raffiguranti episodi di Grazie ricevute.
Immediatamente adiacente alla Chiesa, dall'altra parte del canale, sono già visibili i maggiori esempi di archeologia industriale di Cervia: I MAGAZZINI DEL SALE e la TORRE SAN MICHELE.
Il più antico, il Magazzino "Torre", costruito già nel 1691 prima dunque della fondazione di Cervia Nuova, era destinato allo stivaggio del sale in attesa di destinazione commerciale. Dello stesso periodo la Torre S. Michele voluta per proteggere Cervia ed il sale da potenziali nemici provenienti dal mare. Il magazzino "Darsena" è più recente, del 1712 e anche il suo interno è diviso in tre navate e sei campate, come una cattedrale romanica.
Nell'accogliente giardino antistante i Magazzini del sale splende una fontana chiamata "IL TAPPETO SOSPESO", ideata da Tonino Guerra e realizzata dal mosaicista Marco Bravura di Ravenna nel 1997 in occasione del Trecentesimo anniversario della fondazione di Cervia. La fontana vuole ricordare i colori della flora e della fauna di un tempo come del resto evocano i bianchi mucchi di sale che il tappeto trasporta.
Per concludere la nostra passeggiata non può mancare una sosta presso il BORGO MARINA lungo il portocanale dove è visibile il faro, attualmente in uso, datato 1875. Esso raggiunge un'altezza di 16,50 metri e la sua luce è visibile fino a 14 miglia. Frequentando il borgomarina al mattino presto non può sfuggire una visita al caratteristico mercato del pesce sui cui banchi si possono trovare le speci migliori del mare Adriatico.
Itinerario itinerario storico culturale
Periodi di svolgimento tutto l'anno
Modalità di svolgimento a piedi
Organizzazione Per le visite guidate gratuite Ufficio Cultura Comune di Cervia
Telefono 0544 979253

Il Percorso del Sale
Partiamo dalla Darsena Comunale, dove sono ormeggiate centinaia di imbarcazioni, e su Via Nazario Sauro entriamo in Borgo Marina, fino al CIRCOLO RICREATIVO DEI PESCATORI. Ci sono almeno due buone ragioni per venire alla "Pantofla": è l'unico luogo dove è possibile incontrare i pescatori che garantiscono, con la loro semplice presenza ai tavoli, ritrovo abituale, l'atmosfera marinara più autentica, ed è ancora l'unico luogo dove si può gustare la tradizionale cucina a base di pesce, quello della banchina, offerto come degustazione a pranzo, a cena e come "merenda". Fuori dal circolo la sosta è d'obbligo. La flottiglia da pesca cervese conta circa venti imbarcazioni di dimensioni variabili, impegnate in diversi tipi di pesca che viene definita in base alle reti usate e al loro posizionamento in mare. Ci allontaniamo a malincuore dalla banchina e dai suoi personaggi.

Immagine:

Compagnia dell'Adriatico











RavennaBlu® è marchio registrato proprietà di InteRa srlwww.intera.it [apre una nuova finestra]